Gotico


I caratteri dello stile gotico Il Gotico in Italia L'architettura sacra Basilica di Santa Maria Novella a Firenze Duomo di Orvieto La cattedrale di Santa Maria del Fiore a Firenze Architettura gotica civile Palazzi comunali Palazzo della Signoria a Firenze Palazzo Pubblico di Siena Urbanistica gotica Piazza del Campo a Siena La promozione culturale e artistica di Federico II Castel del Monte ad Andria La pittura del '200 La pittura del '200 in Toscana Le croci dipinte del '200


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Gotico

Storia dell'arte  >  Stili

Gotico

Approfondimenti (vedi colonna a sinistra)

Bibliografia

 

Lo stile Gotico è un fenomeno artistico di carattere europeo, inizia come trasformazione del Romanico e poi diventa via via più indipendente fino ad essere completamente diverso e originale.
Si forma e si matura nell'Ile de France (Francia settentrionale),  tra il 1150 e il 1200, con una rapida diffusione in tutta Europa, assumendo in ogni paese caratteri propri. Prendendolo nel suo insieme, il Gotico in Europa comprende un periodo che va dal 1150 al 1450 ca., seguito poi dal Rinascimento.
Nonostante ne rappresenti una derivazione, lo stile Gotico differisce completamente dal Romanico sia per i caratteri estetici che per le motivazioni storiche e politiche.
Lo stile Romanico è l'espressione della società comunale, persegue valori di concretezza, operosità, lavoro, creatività e ingegno. Adopera un linguaggio fortemente espressivo, diretto, semplice e con accenti popolari, esprime la forza e gli ideali di una comunità intesa come insieme di personalità individuali e si rivolge al popolo.
L'arte Gotica rappresenta invece il linguaggio artistico della classe aristocratica e del potere della Chiesa. Segue gli ideali cavallereschi e cortesi e insieme religiosi, e sceglie un linguaggio espressivo elegante e raffinato, aderente a quello della poesia provenzale e trobadorica. Nato nell'ambito della monarchia francese, il Gotico penetra più lentamente in Italia, dove la civiltà comunale resiste più a lungo, e più velocemente negli stati monarchici, per esempio in Inghilterra, in Germania, in Spagna.

In Italia il gotico giunge inizialmente per opera dell'ordine dei cistercensi che costruirono le loro abbazie soprattutto nelle regioni settentrionali e centrali. Tra queste si possono ricordare l'Abbazia di Fossanova, nel Lazio, e l'Abbazia di San Galgano, presso Siena.
Un altro importante centro di elaborazione del gotico italiano è rappresentato dal Regno di Napoli, alla corte di Federico II, nella seconda metà del '200. Si tratta di un ricco e attivo centro di cultura e arte internazionale, che ospita artisti, letterati e scienziati italiani, francesi e arabi.
In seguito anche le altre città italiane accolgono e rielaborano lo stile gotico, offrendo di volta in volta risultati diversi e originali. Lo stile si diffonde quindi anche in tutta Italia, dal sud al centro e poi nelle città del nell'ambito della monarchia francese,ord, dove esso persisterà fino alla metà del '400. Il '300 è il secolo d'oro dello stile gotico italiano.

A. Cocchi


 

Bibliografia


La Nuova Enciclopedia dell'Arte. Garzanti 1986
F. Negri Arnoldi.Storia dell'Arte. Vol. I. Gruppo editoriale Fabbri. Milano 1985
G.C. Argan. Storia dell'arte italiana. Vol. 1. Sansoni Editore, Milano 1982
F. Negri Arnoldi. Storia dell'Arte. Vol. 1. Gruppo editoriale Fabbri, Milano 1986
AA.VV. Lezioni di arte vol. I Electa -Bruno Mondadori, Milano 1999
L. Grodecki Architettura gotica Electa
G. Cricco, F.P. Di Teodoro Itinerario nell'arte Zanichelli vol. 2

 

Approfondimenti:cantieri, medioevo, .

Stile:Gotico, Arte del Medio Evo.

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Lorenzo Maitani. Duomo di Orvieto.Facciata. Iniziata nel 1310.



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK