Pisano Nicola

Nicola Pisano è uno scultore e architetto attivo in Toscana e in Umbria tra il 1259 e il 1278. Tutte le notizie che riguardano la sua vita sono molto incerte, non si conoscono con precisione il luogo d'origine, la formazione e la prima attività . La nascita si può collocare tra il 1215 e il 1230 e la morte tra il 1278 e il 1284. Le testimonianze contemporanee si riducono a due soli documenti in cui lo scultore è nominato come Nicola d'Apulia, pertanto viene ritenuto di origini pugliesi.
L'ipotesi di una sua formazione in Italia meridionale trova conferma anche nel suo stile iniziale, particolarmente vicino alla cultura figurativa federiciana.
Le prime opere note risalgono già  alla maturità , posseggono uno stile già  formato, molto pregevole e originale.
Primo riferimento sicuro è la sua presenza a Pisa nel 1259-60 per realizzare il Pulpito del Battistero. In questo primo capolavoro troviamo un gusto classico per la ricerca di sintesi formale, senso di equilibrio e straordinaria solidità  delle figure, ma anche una sensibilità  gotica per il dinamismo, gli effetti coloristici, molto vicini agli esempi nordeuropei.  Queste componenti di stile vengono riferite all'ambito culturale di Federico II di Svevia, re di Sicilia (1220-1250), formatosi nelle sue residenze a Napoli, Castel del Monte e Capua, in cui si concentrano artisti e intellettuali.

Tra il 1266 e il 1268 lavora insieme ai suoi allievi, tra cui il figlio Giovanni Pisano, Arnolfo di Cambio, Lapo e altri al Pulpito del Duomo di Siena.
Nel 1273 è a Pistoia. Sembra che abbia realizzato l'Acquasantiera di San Giovanni Forcivitas, mentre lavora contemporaneamente alla decorazione esterna del Battistero di Pisa.
Nel 1277-78 realizza insieme a Giovanni la Fonte Maggiore di Perugia.
A lui e alla sua bottega vengono attribuiti la Lunetta con la Deposizione dalla croce e il rispettivo Architrave del Duomo di Lucca, databili intorno al 1260.
Alla sua bottega viene riferito il complesso scultoreo dell'Arca di San Domenico in San Domenico a Bologna, degli anni 1265-67.
Il Vasari attribuisce a Nicola come architetto la chiesa di Santa Trinita a Firenze.

 

A. Cocchi



Bibliografia

A. Martindale, Arte gotica. Rusconi, Milano 1990
La Nuova Enciclopedia dell'Arte. Garzanti 1986
F. Negri Arnoldi.Storia dell'Arte. Vol. I. Gruppo editoriale Fabbri. Milano 1985
G.C. Argan. Storia dell'arte italiana. Vol. 1. Sansoni Editore, Milano 1982

Approfondimenti
Loading…