Rustici Giovanfrancesco

Lo scultore Giovanfrancesco Rustici è uno dei rappresentanti del Manierismo fiorentino e tra gli artisti preferiti di Lorenzo il Magnifico. Viene definito dal Vasari, nelle sue Vite, un uomo capriccioso, che si dilettava della compagnia di animali e si dedicava alla negromanzia. 
E' nato a Firenze nel 1474. Si è formato alla bottega di Andrea del Verrocchio, presso il quale conobbe Leonardo da Vinci. Dedicandosi alla scultura, elabora uno stile particolare, alla ricerca di effetti di morbidezza e sfumature plastiche che risentono dell'influenza di Leonardo. Nel 1506-11 realizza il gruppo scultoreo della Predica del Battista, capolavoro giovanile. In questo bronzo, conservato al Museo del Bargello a Firenze e recentemente restaurato, alcuni studiosi hanno riconosciuto una partecipazione di Leonardo in fase di progettazione. Un altro momento fondamentale nella formazione del Rustici è la frequentazione del famoso Giardino di San Marco, istituito da Lorenzo dei Medici. Qui il giovane scultore ha potuto conoscere, oltre ai maggiori intellettuali della cerchia medicea, anche Michelangelo. L'accostamento alle soluzioni del Buonarroti si cogòlie soprattutto nel tondo della Madonna col Bambino e san Giovannino, anch'esso al Bargello. Ben inserito nell'ambiente artistico e intellettuale fiorentino, Giovan Francesco stringe amicizia con Andrea del Sarto, Iacopo Sansovino, Domenico Puligo e Baccio Bandinelli. Il periodo della maturità  viene trascorso da Rustici in Francia, dove entra a far parte della Scuola di Fontainebleau. Muore a Tours nel 1554

A. Cocchi


Bibliografia

R. Bartalini. Le occasioni del Sodoma. dalla Milano di Leonardo alla Roma di Raffaello.  Donzelli Editore, Roma, 1996
R e M. Wittkower. Nati sotto Saturno. La figura dell'artista dall'antichità  alla Rivoluzione francese. Giulio Einaudi Editore, Torino 1996
La Nuova Enciclopedia dell'Arte Garzanti.

Approfondimenti
Loading…