Donatello


Donatello nelle "Vite" di Vasari Il decennio padovano La "compagnia" di Michelozzo e Donatello La collaborazione tra Donatello e Nanni di Banco La formazione e le prime opere di Donatello Abacuc Altare di Sant'Antonio a Padova Annunciazione di Santa Croce Ascensione e consegna delle chiavi a San Pietro Attys Banchetto di Erode Cantoria Crocifisso bronzeo Crocifisso di Santa Croce David di marmo David-Mercurio Decorazione della Sacrestia Vecchia di San Lorenzo Giuditta e Oloferne Maddalena Madonne col Bambino in rilievo schiacciato Monumento equestre al Gattamelata Niccolò da Uzzano Opere in rilievo schiacciato di Donatello Profeti per il Campanile di Giotto Pulpiti di San Lorenzo San Giorgio San Giorgio e il drago San Giovanni Battista San Giovanni Evangelista San Ludovico di Tolosa di Donatello San Marco San Rossore Statue per Orsanmichele


torna indietro: Artisti

Banchetto di Erode

Storia dell'arte  >  Artisti

Il Banchetto di Erode è una formella in bronzo dorato eseguita da Donatello nel 1427 con la tecnica del rilievo schiacciato, e fa parte della decorazione del Fonte battesimale di Siena.
Il fonte è stato disegnato e parzialmente eseguito dalla scultore senese Jacopo della Quercia, alla decorazione contribuì anche Ghiberti.
Su questo pannello perfettamente quadrato, Donatello proseguì gli esperimenti sugli inquadramenti architettonici in prospettiva già iniziati con il rilievo del San Giorgio e il drago.
La prospettiva è realizzata con una costruzione rigorosissima, per sezioni parallele in profondità e linee convergenti nel punto di fuga. 
Il palazzo di Erode si presenta con una visione verosimile e dettagliata dell'interno. L'ambiente classico con gli archi a tutto sesto composti dai conci rettangolari, questo tipo di muratura e pavimentazione, riprende con esattezza il tipo dell'antica domus romana. E' una ricostruzione fedele, basata sugli studi dell'architettura antica condotti a Roma insieme a Brunelleschi.

Il tempo della storia è costruito mediante lo spazio. Nella scena Donatello inserisce una serie di muri perpendicolari che scandiscono i vani, che man mano che si allontanano indicano non solo la profondità, ma anche il susseguirsi degli episodi della storia. Si parte dalla decapitazione del Battista, già avennuta nella cella più distante, alla galleria con i musici, in posizione intermedia, che allude alla festa, alla scena finale del banchetto in primo piano.  Tra i personaggi si riconoscono Erode, Erodiade, accanto a lui, e Salomè impegnata nella danza dei sette veli.

La prospettiva della scena è calcolata in modo tale che il punto di vista dello spettatore sembra essere all'interno della sala, e si ha l'impressione di partecipare al dramma.
Tutto avviene in una profondità reale di 7,5 cm.

L'effetto drammatico dell'opera è impostato sulla composizione. Tutto si sviluppa in un crescendo e in un intensificarsi di agitazione, che parte dal fondo e arriva in primo piano. Sul fondo le scene sono più spoglie, ordinate, in contrasto al primo piano dove si riversa lo scompiglio, il movimento concitato delle figure. Mentre ancora si sta svolgendo lo spettacolo di danza di Salomè, tutti i commensali si ammassano verso i bordi, come in un fuggi fuggi generale, lasciando al centro uno spazio vuoto che crea un forte impatto visivo.
Appena decentrato in primo piano verso sinistra si coglie il particolare macabro del servo che consegna sul vassoio la testa tagliata.  E' il punto da cui vengono respinti tutti i personaggi che inorridiscono e si ritraggono. E' una scena molto cruda, Donatello giocando sulla "suspence"  dello spettatore, attraverso il  vuoto centrale, pone come un regista, l'accento sull'orrore, che viene scoperto dopo, all'improvviso.

Sapiente è anche l'uso della luce che si concentra nello spazio vuoto centrale e si frantuma sulle superfici delle vesti drappeggiate, sui capelli e sulle menbra delle figure fin nei dettagli, con effetti di vibrazione che aumentano il senso di concitazione.

A. Cocchi


 

Bibliografia e sitografia

L.Berti, A. Cecchi, A. Natali. Donatello. Dossier Art n. 3. Giunti Firenze, 1986
C,. Avery L'invenzione dell'umano.Introduzione a Donatello. S.E.S. s.r..l. La casa Usher, Firenze 1986
AAVV Omaggio a Donatello1386-1986. Catalogo del Museo Nazionale del Bargello. S.P.E.S. , Firenze, 1986
AA.VV. Moduli di Arte. Dal Rinascimento maturo al rococò. Electa Bruno Mondadori, Roma 2000
A. Blunt Le teorie artistiche in Italia dal Rinascimento al Manierismo. Piccola Biblioteca Einaudi, Giulio Einaudi Editore, Torino 1966
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 2, Zanichelli Bologna 2004
G. Dorfles, S. Buganza, J. Stoppa Storia dell'arte. Vol II Dal Quattrocento al Settecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Bergamo 2008
E. Forssman. Dorico, ionico, corinzio nell'architettura del Rinascimento. Editori Laterza, Bari 1988
L. H. Heydenreich Il Primo Rinascimento. Arte italiana 1400-1460. Rizzoli Editore, Milano 1979
La Nuova Enciclopedia dell’arte Garzanti, Giunti, Firenze 1986
P. Murray L'architettura del Rinascimento italiano. Editori Laterza, Bari, 1987
N. Pevsner Storia dell’architettura europea. Il Saggiatore, Milano 1984
R. Wittkower Princìpi architettonici nell'età dell'umanesimo. Giulio Einaudi editore, Torino 1964

 

Approfondimenti:Donatello, rilievo, bronzo, scultura, prospettiva, domus, archeologia, pathos, Battistero di Siena, Alessandra Cocchi, .

Stile:Quattrocento, Rinascimento.

Per saperne di più sulla città di: Siena

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Donatello. Banchetto di Erode. 1427. Bronzo dorato. Siena, Battistero del Duomo.

disegni da colorare

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK