Donatello


Donatello nelle "Vite" di Vasari Il decennio padovano La "compagnia" di Michelozzo e Donatello La collaborazione tra Donatello e Nanni di Banco La formazione e le prime opere di Donatello Abacuc Altare di Sant'Antonio a Padova Annunciazione di Santa Croce Ascensione e consegna delle chiavi a San Pietro Attys Banchetto di Erode Cantoria Crocifisso bronzeo Crocifisso di Santa Croce David di marmo David-Mercurio Decorazione della Sacrestia Vecchia di San Lorenzo Giuditta e Oloferne Maddalena Madonne col Bambino in rilievo schiacciato Monumento equestre al Gattamelata Niccolò da Uzzano Opere in rilievo schiacciato di Donatello Profeti per il Campanile di Giotto Pulpiti di San Lorenzo San Giorgio San Giorgio e il drago San Giovanni Battista San Giovanni Evangelista San Ludovico di Tolosa di Donatello San Marco San Rossore Statue per Orsanmichele


torna indietro: Artisti

San Marco

Storia dell'arte  >  Artisti

Per l'Arte dei Linaioli  nel 1411 Donatello ricevela commissione per la statua di San Marco, il loro santo patrono. L'opera era destinata ad una delle nicchie di Orsanmichele, dove si trova ancora oggi.
Come era avvenuto nella statua di San Giovanni Evangelista, di qualche anno prima, Donatello scelse di non rappresentare gli animali simbolici tradizionalmente legati agli evangelisti. Il simbolico leone infatti non è presente, ma è la stessa fisionomia del suo San Marco ad assumere un aspetto leonino, mediante il naso largo, le sopracciglia folte, i capelli e la barba.
Questo effetto rivela anche l'interesse, presente nella cultura quattrocentesca, per la fisiognomica e per lo studio della fisionomia come riflesso del carattere umano, paragonato all'aspetto e al comportamento degli animali. Nel Marzocco, che verrà richiesto a Donatello nel 1418, si pò notare, al contrario, come l'artista abbia saputo conferire un aspetto antropomorfico al leone.
Nell'atteggiamento un po' autoritario, la figura del San Marco rinvia alle statue romane dei senatori e ai ritratti di uomini illustri del periodo tardo-repubblicano  e imperiale. Da quegli esempi deriva anche la "ponderazione" della posa, con la chiara distinzione della gamba che sostiene il corpo, nascosta dalle pieghe verticali simili a strie di una colonna, e la gamba flessa, con il ginocchio sposrgente tra le pieghe delle vesti.
Una componente che rivela il tipico realismo di Donatello è il senso di fisicità e di peso espresso dalla figura con l'espediente del piede affossato sul cuscino. Il cuscino è anche un oggetto emblematico, perchè rimanda all'Arte dei Linaioli.

 

A. Cocchi

 


 

Bibliografia

L.Berti, A. Cecchi, A. Natali. Donatello. Dossier Art n. 3. Giunti Firenze, 1986
C. Avery L'invenzione dell'umano.Introduzione a Donatello. S.E.S. s.r..l. La casa Usher, Firenze 1986 
AAVV Omaggio a Donatello1386-1986. Catalogo del Museo Nazionale del Bargello. S.P.E.S. , Firenze, 1986
AA.VV. Moduli di Arte. Dal Rinascimento maturo al rococò. Electa Bruno Mondadori, Roma 2000
A. Blunt Le teorie artistiche in Italia dal Rinascimento al Manierismo. Piccola Biblioteca Einaudi, Giulio Einaudi Editore, Torino 1966
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 2, Zanichelli Bologna 2004
G. Dorfles, S. Buganza, J. Stoppa Storia dell'arte. Vol II Dal Quattrocento al Settecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Bergamo 2008
E. Forssman. Dorico, ionico, corinzio nell'architettura del Rinascimento. Editori Laterza, Bari 1988
L. H. Heydenreich Il Primo Rinascimento. Arte italiana 1400-1460. Rizzoli Editore, Milano 1979
La Nuova Enciclopedia dell’arte Garzanti, Giunti, Firenze 1986
P. Murray L'architettura del Rinascimento italiano. Editori Laterza, Bari, 1987
N. Pevsner Storia dell’architettura europea. Il Saggiatore, Milano 1984
R. Wittkower Princìpi architettonici nell'età dell'umanesimo. Giulio Einaudi editore, Torino 1964

 

Approfondimenti:San Marco, Donatello, scultura, marmo, Orsanmichele, Alessandra Cocchi, .

Stile:Quattrocento, Rinascimento.

Per saperne di più sulla città di: Firenze

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK