Arte bizantina a Ravenna


Ravenna in etą bizantina Architettura bizantina a Ravenna Basilica di San Vitale. Architettura Basilica di San Vitale. I mosaici Battistero degli Ortodossi. Architettura Battistero degli Ortodossi. Decorazione Le opere di Galla Placidia a Ravenna Le opere di Teodorico a Ravenna Lunetta del Buon Pastore Mausoleo di Galla Placidia. Architettura Mausoleo di Galla Placidia. I mosaici Mausoleo di Teodorico Palazzo di Teodorico Sant'Apollinare Nuovo. Architettura Sant'Apollinare Nuovo. I mosaici


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Arte bizantina a Ravenna

Storia dell'arte  >  Stili

Arte bizantina a Ravenna

Mappe concettuali

Video

Argomenti correlati

 

Lo stile bizantino nasce a Bizanzio e fiorisce nell'impero Romano d'Oriente tra il IV e il XV secolo. Compare a Ravenna, con caratteristiche autonome, a partire dall'inizio del V secolo, quando inizia la trasformazione della città, con Onorio (sotto il quale diviene la nuova Capitale d'Occidente) e la reggenza di Galla Placidia.  

 


Mausoleo di Galla Placidia. V sec. Veduta dell'interno. Ravenna.

 

Altre importanti vicende artistiche e costruttive avvengono  durante la dominazione degli Ostrogoti, con Teodorico, nella seconda parte del V secolo e inizio del VI.

 


Mausoleo di Teodorico. VI sec.  Ravenna

 

 

Infine con Giustiniano, si assiste ad una nuova fioritura artistica per tutto il VI sec.

 


Basilica di San Vitale. Part. della zona absidale. VI sec. Ravenna.

 

Questo stile si evolve nel tempo e si possono quindi distinguere tre fasi:

Inizialmente, nel V sec, il periodo di Galla Placidia, si ha una fase di transizione: l'arte ravennate presenta forti legami con la tradizione tardo-romana, e quindi è più classicheggiante. Vuol dire che troveremo un gusto naturalistico, più concreto, più realistico.

Un esempio è offerto dalla Lunetta del Buon Pastore, che fa parte dei mosaici del Mausoleo di Galla Placidia. Si possono notare gli effetti di profondità, un certo dinamismo nelle pose, il cielo azzurro e i dettagli paesaggistici.

 


Lunetta del Buon Pastore. Mosaico. V sec. Mausoleo di Galla Placidia. Ravenna.

 

L'età di Teodorico vede associare le componenti classiche ad alcuni elementi cosiddetti "barbarici", cioè appartenenti alla cultura propria degli Ostrogoti, come ad esempio alcuni aspetti decorativi che derivano soprattutto dall'oreficeria e dall'arte dei metalli. Il fregio della cupola del Mausoleo di Teodorico riporta il motivo decorativo della "tenaglia", un elemento che si può ritrovare anche nella lavorazione delle armi ostrogote.

 


Cupola del Mausoleo di Teodorico. Part. del fregio con le tenaglie. Vi sec. Ravenna.

 

 

In seguito, nel VI sec., età di Giustinianoprevale la componente orientale. Ciò comporta una forte tendenza all'astrazione e al simbolismo, un gusto più fantastico dove gli elementi espressivi sono legati a significati particolari e quasi esclusivamente religiosi. Forme e composizioni si fanno sempre più essenziali e immateriali, le immagini rinviano a un mondo trascendente, di valori metafisici. Ogni elemento visivo (colori, forme, motivi decorativi, geometrie, numeri ecc.) assume un particolare significato e carica di fascino e mistero questo linguaggio raffinatissimo, il cui senso profondo poteva essere colto da pochi eletti.

 


Basilica di san Vitale. Dett. di una trifora del matroneo. VI sec. Ravenna

 

La tradizione artistica bizantina ravennate continua fino al XV, ma perdendo i significati e lo spessore culturale del "periodo aureo", mostra un declino graduale sul piano della qualità espressiva per privilegiare la componente decorativa.

Per le sue caratteristiche singolari e di grande fascino, lo stile bizantino-ravennate è unico nel mondo.
E' uno stile complesso, perché basato su diverse componenti culturali, entrambe di grande spessore, che sono soprattutto:

la cultura tardo-romana

la cultura orientale-bizantina

il gusto "nordico" degli Ostrogoti.

Questi elementi si fondono insieme in modo molto originale, lasciando a Ravenna monumenti di qualità altissima che si rivela nel gusto raffinato, nelle tecniche evolute e sapienti, nella scelta dei materiali pregiati e nella decorazione ricchissima. Lo stile bizantino di Ravenna è senz'altro uno stile aulico, non solo dal punto di vista estetico, ma anche per la profondità e complessità dei significati religiosi, mistici e anche politici di cui si fa testimone.

Assume particolare rilievo nell'arte bizantina ravennate, la tecnica del mosaico, che più che avere una funzione decorativo-pittorica, come nei mosaici parietali greci e romani, fa parte integrante e di completamento dell'architettura, denotando ogni monumento con un particolare significato.



Mappe concettuali

 

Per vedere la mappa ingrandita clicca sull'immagine nella colonna a destra.

 

   

Video su questo argomento

 

Un video da You Tube con chiara e breve presentazione dei monumenti bizantini ravennati:

 

 

A cura dell'Accoglienza Turistica di Ravenna. Video realizzato dal Museo d'Arte della città di Ravenna (Centro Internazionale di documentazione sul Mosaico) e della Provincia di Ravenna.

 

 Argomenti correlati

 Ravenna in età bizantina

Architettura bizantina a Ravenna

Atrio di San salvatore (Palazzo di Teodorico)

Basilica di San Vitale. Architettura

Basilica di San Vitale. I mosaici

Battistero degli Ortodossi. Architettura

Battistero degli Ortodossi. Decorazione

Le opere di Galla Placidia a Ravenna

Le opere di Teodorico a Ravenna

Lunetta del Buon Pastore

Mausoleo di Galla Placidia. Architettura

Mausoleo di Galla Placidia. I mosaici

Mausoleo di Teodorico

Sant'Apollinare Nuovo. Architettura

Sant'Apollinare Nuovo. I mosaici

 

 

  



Bibliografia e sitografia

 

N. Pevsner Storia dell’architettura europea. Il Saggiatore, Milano 1984
G. Bustacchini Ravenna. I mosaici, i monumenti, l'ambiente. Edizioni Italcards, Bologna 1984
La Nuova Enciclopedia dell’arte Garzanti, Giunti, Firenze 1986
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 2, Zanichelli Bologna 2004
AA.VV. Moduli di Arte. Dal Rinascimento maturo al rococò. Electa Bruno Mondadori, Roma 2000
G. Dorfles, S. Buganza, J. Stoppa Storia dell'arte. Vol II Dal Quattrocento al Settecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Bergamo 2008
E. Bernini, R. Rota, Uno sguardo sull'arte. Vol. 1 Dalla preistoria al Trecento. Editori Laterza, Bari 2008
G. Dorfles, M.Ragazzi, C. Maggioni, M.G. Recanati, Storia dell'arte. Vol 1 Dalle origini al Trecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Orio al Serio 2008

 

 

Approfondimenti:Alessandra Cocchi, Ravenna, oriente, divino, Romagna, civiltą, storia arte, mappe concettuali, .

Stile:Arte bizantina a Ravenna, Arte del Medio Evo.

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Il bacio di Giuda. Mosaico. V sec. Ravenna, Sant'Apollinare Nuovo.


Part. del Corteo delle Vergini. V sec. Sant'Apollinare Nuovo. Ravenna


Interno di Sant'Apollinare Nuovo. V-VI sec. Ravenna


Interno del Battistero degli Ortodossi. V sec. Ravenna


Arte Bizantina a Ravenna. Mappa Concettuale. Realizzata da Geometrie fluide.



swimme

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK