Sisley


La strada de la Machine, Louveciennes Il canale del Loing Neve a Louveciennes La barca durante l'inondazione


torna indietro: Artisti

Sisley

Storia dell'arte  >  Artisti

Alfred Sisley nasce a Parigi da genitori inglesi benestanti il 30 ottobre del 1839.
Suo padre, un uomo d'affari che dirigeva una ditta di esportazione di fiori artificiali verso l'America del Sud, per insegnargli il mestiere lo invia a Londra ma la ferma volontà del figlio di dipingere lo riporta a Parigi nel 1862. Qui Sisley incoraggiato dall'amico Bazille frequenta l’atelier di Charles Gleyre, presso il quale ha occasione di conoscere anche Monet e Renoir, ai quali si lega con una solida amicizia.
I primi paesaggi di Sisley, dipinti a La Celle-Saint-Cloud sono caratterizzati da una gamma scura, fatta di bruni, di verdi e di blu spenti, assumendo un aspetto severo, senza splendore. Ribellandosi alla scuola, Sisley cerca un compromesso tra i suoi istinti e la sua ammirazione per Corot e Courbet nei quali riconosce dei maestri.
Nel 1866 Sisley sposò Eugenia Lescouezec dalla quale nacquero due figli: Pierre e Jeanne. Nel 1868 i suoi dipinti furono accettati al Salon ma la mostra non portò alcun finanziamento né critiche di successo e così successe anche nelle mostre successive.
Ma verso il 1870 andando sulle rive della Senna, Sisley adotta una maniera più libera e una tavolozza più chiara e, dipingendo le Chiatte sul canale Saint-Martin, usò per la prima volta la tecnica impressionista dei colori puri e della divisione cromatica. Assieme agli altri artisti impressionisti  dipingerà en plein air al fine di catturare realisticamente gli effetti transitori della luce del sole.  Nonostante i risultati, sia lui sia gli altri impressionisti inizialmente ebbero poche opportunità di esporre o vendere le proprie opere poiché solitamente queste venivano respinte dalla giuria dei Salon francesi.
La guerra franco-prussiana del 1870-71 provocò la rovina finanziaria del padre e da allora l’unico mezzo di sostentamento per il pittore fu la vendita delle sue opere, mentre per il resto della sua vita vivrà in uno stato di indigenza.
Nel 1874 riesce a fare un breve viaggio in Inghilterra e il risultato di quei mesi spesi nei pressi di Londra è una serie di circa venti dipinti del Tamigi vicino Molesey, in seguito vennero descritti come “il momento perfetto di impressionismo”. Fino al 1880, Sisley ha vissuto e lavorato nella campagna a ovest di Parigi ma si trasferisce con la sua famiglia in un piccolo villaggio vicino a Moret-sur-Loing. Qui come disse uno storico: “i dolci paesaggi con la loro costante evoluzione dell’atmosfera erano perfettamente in sintonia con il suo talento.”
Nonostante qualche rappresentazione della figura umana e qualche rara natura morta con frutti e selvaggina, Sisley è stato ritenuto un grande paesaggista. E' stato il pittore delle piccole città sparse sulle rive della Senna, a monte e a valle di Parigi. Egli Partecipò alle prime tre mostre degli impressionisti e anche a quella del 1882. Pur essendo apprezzato dagli altri artisti, rimase praticamente isolato dal gruppo anche a causa del suo carattere schivo e introverso. Visse quasi ignorato dalla critica e dai collezionisti e in vita non riuscì ad avere la stessa notorietà e fortuna economica raggiunta, anche se in età avanzata, dagli altri componenti del gruppo impressionista.
In seguito alla morte della moglie avvenuta nel 1898, Sisley muore il 29 gennaio 1899.
Monet organizza la vendita dell'atelier a favore dei figli di Sisley e l'11 luglio 1911 a Moret-sur-Loing viene eretto un monumento in sua memoria.

A. Evangelisti


Bibliografia

Francois Daulte. Sisley. Fratelli Fabbri Editori 1972
AA.VV. Alfred Sisley.  Ferrara- Palazzo dei Diamanti 17febbraio - 19maggio 2002
Itinerario nell'arte: dal Barocco al Postimpressionismo" Zanichelli 2006
"Wikipedia" sito internet

 

Approfondimenti:Sisley, pittura.

Stile:Impressionismo.

Per saperne di più sulla città di: Parigi

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK