Bernini Gianlorenzo


La produzione artistica di Bernini L'opera del Bernini (video) Bozzetti di Bernini Gli inizi di Bernini Giove nutrito dalla capra Amaltea I gruppi di Villa Borghese Apollo e Dafne David Le fontane a Roma prima di Bernini Le fontane di Bernini Nettuno e Tritone Fontana dei Quattro Fiumi Fontana del Moro Fontana del Tritone Fontana delle Api Opere degli anni '20 San Longino Santa Bibiana Chiesa di Santa Bibiana Il Barocco maturo del Bernini La fase classica di Bernini L'opera di Bernini negli anni della maturità Cappella Cornaro ed Estasi di santa Teresa Estasi di santa Teresa (video) Sant'Andrea al Quirinale Il ventennio finale di Bernini Colonnato di San Pietro I ritratti di Bernini


torna indietro: Artisti

Fontana delle Api

Storia dell'arte  >  Artisti

La Fontana delle Api, realizzata in travertino, si trova in Piazza Barberini a Roma, è stata progettata da Gianlorenzo Bernini nel 1644 per essere collocata all'angolo di Palazzo Soderini, tra piazza Barberini e via Sistina. 
Smontata nel 1865 e conservvata nei magazzini comunali, venne poi ricostruita nel 1915-16 e  sistemata in posizione isolata, nella stessa piazza, ma all'angolo con via Veneto.
Oggi rimangono solo alcuni frammenti originali, un'ape e parte della conchiglia. Dopo un restauro nel 2000 la testa di un'ape è stata danneggiata da vandali nel 2004 e sostituita da una copia.

In questa fontana Bernini realizza l'uscita dell'acqua con una soluzione fantastica. L'artista aveva a disposizione una quantità d'acqua molto limitata. La fontana raccoglie infatti l'acqua di ritorno della Fontana del Tritone, già progettata per papa Urbano VIII Barberini nel 1623-44.
Egli inventa una grande conchiglia bivalve aperta con la parte superiore verticale, per aderire all'angolo del Palazzo Soderini, e quella inferiore in funzione di vasca. Alla base pone tre grandi api, simbolo della casata dei Barberini, dalla cui bocca a originariamente uscivano tre sottili zampilli.
Anche in questo caso Bernini gioca con i significati e le allegorie. Le api hanno diversi significati, anche religiosi. Uno dei simbolismi più recenti è quello offerto da San Francesco di Sales che nel suo Trattato dell'Amore di Dio, edito nel 1616 usa l'immagine di un'ape pe definire l'anima l'anima dell'uomo durante la sua vita terrena.
Le api erano anche presenti nello stemma di famiglia dei Barberini. Nella fontana di Bernini le api sono associate al tema dell'acqua intesa come immagine di vita eterna. Gli zampilli sottili lanciati dalle api simboleggiano il suono, il ronzio sottile delle api e rappresentano un'altra delle metamorfosi in cui è protagonista l'acqua. In questo caso l'acqua si trasforma in suono (metamorfosi: acqua-suono).
Un altro significato è indicato dall'iscrizione incisa sulla valva superiore:  

VRBANVS VIII PONTIFEX MAXIMVS
FONTI AD PVBLICVM VRBIS ORNAMENTVM
EXSTRVCTO
SINGVLORVM VSIBVS SEORSIM COMMODITATE HAC
CONSVLVIT
ANNO MDCXLIV PONT XXI

L'acqua viene paragonata al miele che viene versato dalle api per alludere alla dolcezza, alla purezza dell'acqua. Quest'ultimo senso è nuovamente associato ad una valenza religiosa, poichè rinvia all'acqua come elemento naturale segno dell'infinita bontà e misericordia divina, dono di natura in cui si riflette la divinità. La fusione perfetta tra divinità e natura, spirito e materialità è uno degli aspetti che caratterizzano la sensibilità berniniana ma appartengono più in generale alla cultura barocca. Allo stesso modo, il gioco di significati e rimandi intellettualistici è anche uno scherzo raffinato rivolto agli osservatori ed appartiene in pieno all'estetica barocca: implica il gusto del messaggio nascosto e da scoprire nelle opere, dell'intreccio dei contenuti e dei significati, spesso a più livelli.
La Fontana delle Api si pone come un enigma da sciogliere, ma è anche un oggetto che con i suoi significati, diventa un'occasione per meditare e scoprire la presenza di Dio in ogni cosa. Anche in questo caso, quindi l'opera risponde a quella "scienza della persuasione" a cui fa riferimento sant'Ignazio di Loyola e che viene promossa con forza da Papa Urbano VIII Barberini, in gioventù educato presso i Gesuiti, l'ordine fondato da sant'Ignazio.

A. Cocchi


Bibliografia.

R. Wittkower. La scultura. Dall'antichità al Novecento. Giulio Einaudi editore, Torino 1985
R. Wittkower. Arte e architettura in Italia 1600-1750. Einaudi, Torino 1972
P. Portoghesi. Roma barocca. Editori Laterza, Roma-Bari 1984
O. Ferrari. Bernini. Dossier Art. Giunti, Firenze 1991
C. Lachi. La grande storia dell'arte. Il Seicento. Gruppo editoriale l'Espresso. Roma, 2003P. Adorno. A. Mastrangelo. Arte. Correnti e artisti. Volume secondo, Dal Rinascimento medio ai giorni nostri. Casa editrice D'Anna- Messina- Firenze 1998
La Nuova Enciclopedia dell'Arte Garzanti.
A. Ottani Cavina, Lezioni di Storia delle Arti, Università di Bologna, 1984
AA.VV. Moduli di Arte. Dal Rinascimento maturo al rococò. Electa-Bruno Mondadori, Roma 2000
G. Dorfles, S. Buganza, J. Stoppa Storia dell'arte. Vol II Dal Quattrocento al Settecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Bergamo 2008
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 2, Zanichelli Bologna 2004

 

Approfondimenti:fontana, api, Bernini, Barberini, Urbano VIII, metamorfosi, acqua, Alessandra Cocchi.

Stile:Barocco.

Per saperne di più sulla città di: Roma

 


Gianlorenzo Bernini. Fontana delle Api. Part. 1644. Travertino. Roma, piazza Barberini.


Gianlorenzo Bernini. Fontana delle Api. 1644. Travertino. Roma, piazza Barberini.


Gianlorenzo Bernini. Fontana delle Api. Part. 1644. Travertino. Roma, piazza Barberini.



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK