Giove nutrito dalla capra Amaltea

Il gruppo con Giove nutrito dalla Capra Amaltea, eseguito prima del 1615 (forse già  nel 1609) è considerato il primo lavoro eseguito autonomamente dal giovane Gianlorenzo Bernini. Si tratta di una delle prime commissioni ricevute dal cardinale Scipioone Borghese per la sua villa romana. E' tutt'ora conservata alla Galleria Borghese a Roma.
L'opera testimonia dell'ambiente di cultura "antiquaria" in cui si è formato Gianlorenzo. Come avveniva frequentemente, i migliori scultori del tempo che venivano incaricati di "restaurare" (cioè spesso riscolpire o modificare) opere antiche, appartenenti a facoltose famiglie. Per arricchire le prestigiose collezioni di antichità  veniva anche richiesto agli artisti di produrre nuovi pezzi con caratteristiche anticheggianti, al limite della contraffazione.
La Capra Amaltea di Bernini rientra in questa dimensione, ed è una rivisitazione dello stile ellenistico liberamente interpretato.
Il soggetto si riferisce al mito di Giove, sottratto dalla madre Rea alla violenza del padre Crono, che divorava tutti i suoi figli per paura di essere usurpato. Rea affida il piccolo Giove alla capra Amaltea per essere nutrito. La scultura mostra Giove bambino che munge la capretta, in compagnia di un piccolo satiro che beve il latte da una conchiglia.
Tutta la composizione segue uno sviluppo circolare e ognuna delle figure è rappresentata in movimento secondo posture in torsione o in contrapposto. La mole dell'animale accovacciato a terra è bilanciata dai due bambini, disposti obliquamente e opposti quasi a formare un cono. Gli atteggiamenti allegri, quasi giocosi dei putti e quello docile, umanizzato dell'animale indicano una accezione sottilmente ironica con cui viene interpretato il mito classico, e danno all'opera un tono piacevolmente scherzoso.
Alla levigatezza con cui sono trattate le superfici dei corpi infantili contrasta con l'aspetto ruvido e scabro del mantello dell'animale, della consistenza rocciosa della base e dei particolari come le chiome e la ghirlanda sulla testa di Giove.
Per tutte queste caratteristiche la scultura fu a lungo ritenuta un'opera di età  ellenistica.

A. Cocchi


Bibliografia.

R. Wittkower. La scultura. Dall'antichità  al Novecento. Giulio Einaudi editore, Torino 1985
R. Wittkower. Arte e architettura in Italia 1600-1750. Einaudi, Torino 1972
P.Portoghesi. Roma barocca. Editori Laterza, Roma-Bari 1984
O. Ferrari. Bernini. Dossier Art. Giunti, Firenze 1991
C. Lachi. La grande storia dell'arte. Il Seicento. Gruppo editoriale l'Espresso. Roma, 2003P. Adorno. A. Mastrangelo. Arte. Correnti e artisti. Volume secondo, Dal Rinascimento medio ai giorni nostri. Casa editrice D'Anna- Messina- Firenze 1998
La Nuova Enciclopedia dell'Arte Garzanti.
AA.VV. L'Italia. 2. Roma. Touring Club Italiano La Biblioteca di Repubblica, Gruppo Editoreiale l'Espresso, Roma, 1975
A. Ottani Cavina, Lezioni di Storia delle Arti, Università  di Bologna, 1984
AA.VV. Moduli di Arte. Dal Rinascimento maturo al rococò. Electa-Bruno Mondadori, Roma 2000
G. Dorfles, S. Buganza, J. Stoppa Storia dell'arte. Vol II Dal Quattrocento al Settecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Bergamo 2008
L. Beltrame, E. Demartini, L. Tonetti. L'arte tra noi. Dal Barocco all'Art Nouveau. Electa, Bruno Mondadori. Roma, 2007
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 2, Zanichelli Bologna 2004

   

   
Approfondimenti
Loading…