Santarcangelo


Rocca di Santarcangelo Collegiata della Madonna del Rosario Pieve di San Michele in Acerboli


torna indietro: Turismo d'arte

Santarcangelo

Colpo d'occhio  >  Turismo d'arte

Fondata in epoca romana con il nome di “Pagus Acervolanus”, fra il corso dei fiumi Uso e Marecchia, Santarcangelo si sviluppa nell’area attorno alla pieve di S. Michele Arcangelo, l’edificio più antico della città. E proprio all’Arcangelo Michele il villaggio deve il suo attuale nome e, per distinguersi da altre località che portano la stessa denominazione, si scrive per intero.
Le prime invasioni barbariche hanno provocato lo spostarsi dell’insediamento abitativo sul Monte Giove. Peculiarità dell’altura tufacea di Monte Giove sono le sue grotte sotterranee, alle quali sono state attribuite le più disparate identità: catacombe cristiane, sepolcreti etruschi, mitrei, depositi di derrate e munizioni, rifugi bellici… Varie, e spesso fantasiose, sono le ipotesi avanzate…
Nel corso dell’XI secolo il colle, soggetto al vescovo di Rimini, viene fortificato con la costruzione di un Castello, mura e stecconate. Passato sotto il controllo del vicino comune di Rimini, Santarcangelo entra nella sfera di influenza dei Malatesta: nel 1288 Gianciotto Malatesta occupa la Rocca e proprio la sua presenza ha accreditato l’ipotesi che l’uccisione dei 2 celebri amanti Paolo e Francesca sia avvenuta nel castello di Santarcangelo…
Tutta la parte alta della città, con la sua struttura caratterizzata dalle contrade di impianto medievale, la Rocca Malatestiana (visitabile il primo Sabato di ogni mese), la Piazzetta delle Monache e la adiacente Porta Cervese è inglobata nella seconda cerchia muraria fatta erigere nella ‘400 da Sigismondo Malatesta (i mattoni della costruzione furono ottenuti abbattendo il mastio).
Sigismondo Pandolfo Malatesta, detto il lupo di Rimini (Rimini, 19 Giugno 1417 – Rimini, 7 Ottobre 1468), figlio di Pandolfo III Malatesta e dell’amante Antonia da Barignano, fu signore di Rimini e Fano dal 1482, mentre suo fratello Domenico Malatesta lo fu di Cesena.

C. Arfilli;
J. Harvey;
T. Manzo;
N. Rossi.
(alunni del Liceo Classico Monti, Cesena)

 

Approfondimenti:turismo, rocca, Malatesta, .

Per saperne di più sulla città di: Santarcangelo

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Veduta di Santarcangelo di Romagna.


Jacobello da Bonomo.Polittico con la Vergine in trono e santi. 1385. Tempera su tela gessata su tavola. cm. 247X255 Museo Storico Archeologico di Santarcangelo


San Michele Arcangelo. Collegiata della Madonna del Rosario. Santarcangelo.



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK