Tempio di Amon a Karnak

Tempio di Karnak

Mappe concettuali

Domande frequenti sull'arte dell'Antico Egitto

Bibliografia

 

Il tempio di Karnak, uno dei più celebri monumenti del Nuovo Regno, è dedicato ad Amon, supremo dio del cielo e della fecondità.  E' il più grande tempio divino dell'antico Egitto: occupa un'area di circa 48 ettari. La sua costruzione si è sviluppata nell'arco di oltre mezzo millennio, dal XVI al XI secolo a. C. e praticamente non si è mai conclusa.
Nella grande impresa si impegnarono vari faraoni, desiderosi di ampliarlo, arricchirlo e renderlo sempre più maestoso.
L'accesso al tempio avviene dalla Via degli Dei: un lungo viale fiancheggiato da 40 gigantesche sfingi in pietra aventi corpo di leone e testa di ariete, poste ad eterna guardia all'intero complesso. Nel colossale pilone d'ingresso, rivolto a Occidente, costituito da due massicci torrioni affiancati, si apre la porta trionfale.
Di qui si giunge al cortile maggiore, di forma rettangolare e percorso per tutta la sua lunghezza da due file di colonne monumentali che indirizzano verso il secondo pilone.
Superata la seconda porta sui accede alla vastissima sala ipostila.
Una selva di 134 colonne papiriformi (con i capitelli a forma di papiro). sorreggono la copertura, oggi in gran parte crollata, e consistente in giganteschi lastroni monolitici in pietra.
Altri tre piloni di dimensioni via via decrescenti, cortili, sale ipostile e ambienti di servizio, conducevano al santuario, "il luogo eletto", il centro spirituale di tutto il complesso templare.
Il nàos, infine, era destinato ad ospitare la statua di Amon e la barca divina, con la quale il simulacro del dio poteva essere portato in processione lungo il Nilo.

  A. Cocchi

hi

 


 

Mappe concettuali 

 

 

   

Arte Egizia. Periodizzazione

Schema con i diversi periodi storici della civiltà egizia e le opere d'arte più caratteristiche dalle origini al periodo finale.

 

 

   

Arte dell'Antico Egitto

Mappa sintetica con i principali esempi di architettura, scultura e pittura e riferimenti allo stile.

 

 

Clicca qui per acquistare le mappe

 

 

Bibliografia 

 

AA.VV. La Storia dell'Arte. Le prime civiltà. Electa editore. Milano, 2006
AA.VV. Egitto. Archeologia e storia. Vol. I Folio editrice
G. Cricco, F.P. Di Teodoro Itinerari nell'arte. Vol. I. Zanichelli editore, Bologna 2003
E. Bernini, R. Rota Eikon. Guida alla storia dell'arte. Vol.I. Editori Laterza, Bari, 2005
M. D. Appia Egitto. L'avventura dei Faraoni fra storia e archeologia. Fabbri Editori, I fasc.
F. Negri Arnoldi Storia dell'arte vol I. Gruppo editoriale Fabbri, Milano 1985
P. Adorno, A. Mastrangelo Arte. Correnti e artisti. Vol. I. Casa editrice G. D'Anna, Firenze 1994
N. Frapiccini, N. Giustozzi. La geografia dell'arte. Vol.1 Hoepli editore, Milano 2004
S. Pernigotti Gli artisti nell'antico Egitto Dossier in Archeo. Attualità del passato. anno XVII n.1 (191) gennaio 2001

Approfondimenti
Loading…