Pesci, Crostacei e Molluschi dell'Adriatico


Acciuga Aguglia Anguilla Astice Boga Calamaro Canestrello Cannello Canocchia Cappasanta Cefalo Cozza Garagolo Gattuccio Grancevola Granchio di sabbia Lanzardo Latterino Lumachina di mare Mazzancolla Mazzola Merlano Mormora Nasello Orata Ostrica Paganello Palombo Papalina Passera di mare Pesce San Pietro Rana pescatrice Razza Rombo Sarago Sardina Scampo Scorfano Seppia Sgombro Sogliola Spigola Suro Tonno Triglia di fango Vongola comune


torna indietro: La rubrica degli animali

Sardina

Colpo d'occhio  >  La rubrica degli animali

 
Ugo Bertotti. Sardina. 1992. Illustrazione jpg
tratta da disegno ad acquarello e matite colorate.
 
  »»»»»»»»»•««««««««««
 

La Sardina, indicata dalla denominazione scientifica come Sardina pilchardus, è un Pesce Teleosteo della famiglia dei Clupeidi e dell'ordine dei Clupeiformi. E' conosciuto anche come Sarda o Sardella, e vive nell'Atlantico orientale, nell'area del Mediterraneo e nel Mare del Nord.

Ha un corpo fusiforme poco compresso lateralmente e coperto da grosse squame. Difficilmente questo Pesce supera i venti centimetri di lunghezza e mediamente misura circa sedici centimetri. La testa è piccola, con grandi occhi e la bocca priva di denti. Una caratteristica che distingue la Sardina sono le strie disposte a ventaglio che segnano l'opercolo delle branchie. I colori vanno dal verde oliva con fasce azzurre sul dorso al bianco argento dei fianchi con una leggera sfumatura rosa sul ventre.
Durante l'inverno la Sardina preferisce vivere lontano dalle coste in acque profonde. E' un pesce gregario e nel periodo della riproduzione migra in banchi numerosissimi verso la zona costiera, dove può trovare temperature comprese tra 13° e 23° centigradi.
La sua alimentazione è plantofaga. Si riproduce tra la primavera e l'estate e le femmine possono deporre qualche decine di migliaia di uova. Queste avendo una goccia d'olio nel tuorlo restano galleggianti sulla superficie dell'acqua marina. Le Sardine adulte, dopo la deposizione delle uova e la fecondazione che avviene immediatamente, abbandonano le uova e riprendono il largo. Le larve, che appena uscete dall'uovo sono già simili ai genitori, si sviluppano crescendo di dimensioni ma senza subire metamorfosi.

Asaki San

  »»»»»»»»»•««««««««««

L'illustrazione in alto può essere scaricata gratuitamente e stampata.  L'immagine è in formato jpeg, se stampata può essere contenuta nelle dimensioni di un foglio A4 con la definizione di 72 dpi.
Se vuoi copiare questa immagine jpeg in un testo word, clicca col tasto destro del mouse sull'immagine, scegli "copia", entra con il cursore nel testo, clicca con il destro, scegli "incolla", e vedrai l'immagine inserita.

Se vuoi riutilizzarla in seguito puoi salvare l'immagine sul tuo computer. Basta cliccare con il tasto destro, scegliere "salva immagine col nome...", 
assegnare un nome e l'immagine è pronta.

Per stamparla direttamente, puoi cliccare sull'immagine col tasto destro e scegliere "stampa immagine".

Ricordati che questa immagine è coperta da copyright, pertanto la scritta del copyright non può essere eliminata o cancellata. Puoi utilizzare l'immagine per uso personale. Non puoi modificare, tagliare o utilizzare questa immagine per scopo di lucro. 
Se pubblichi l'immagine su web o altro cita l'autore e questo sito. Rispetta i diritti d'autore.

 

  »»»»»»»»»•««««««««««

 

Bibliografia

O. Cattani. Pesci. in : AA.VV. Adriatico. Le stagioni del nostro mare. Amministrazione Provinciale diForlì-Cesena. Edizione Stampa MDM Forlì 1992
Enciclopedia Universo. Istituto Geografico De Agostini Novara, 1971
AA.VV. Nel meraviglioso regno degli animali. Armando Curcio Editore, Roma 1972

 

 

 

Approfondimenti:sardina, pesci, Adriatico, mare, animali, Asaki San, .

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 

swimme

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK