Pesci, Crostacei e Molluschi dell'Adriatico


Acciuga Aguglia Anguilla Astice Boga Calamaro Canestrello Cannello Canocchia Cappasanta Cefalo Cozza Garagolo Gattuccio Grancevola Granchio di sabbia Lanzardo Latterino Lumachina di mare Mazzancolla Mazzola Merlano Mormora Nasello Orata Ostrica Paganello Palombo Papalina Passera di mare Pesce San Pietro Rana pescatrice Razza Rombo Sarago Sardina Scampo Scorfano Seppia Sgombro Sogliola Spigola Suro Tonno Triglia di fango Vongola comune


torna indietro: La rubrica degli animali

Passera di mare

Colpo d'occhio  >  La rubrica degli animali

Ugo Bertotti. Passera. 1992. Illustrazione jpg
tratta da disegno ad acquarello e matite colorate.
 
  »»»»»»»»»•««««««««««

La Passera di mare, indicata da Linneo come Platichtys flesus flesus, è un pesce ascritto all'ordine Pleuronettiformi, famiglia Pleuronectidi.
E' diffuso nell'area settentrionale dell'Atlantico, nel Mar Baltico, nel Mare del Nord, nel tratto settentrionale dell'Adriatico, nel Mar Nero e nel Mare d'Azov.
Pur essendo una specie marina, può tollerare variazioni di salinità dell'acqua ed è in grado di nuotare in cerca di cibo anche nelle acque salmastre o dolci, soffermandosi nelle lagune o risalendo i fiumi. E' un carnivoro vorace e si nutre di vermi, piccoli molluschi, crostacei e pesci, soprattutto Paganelli.

La Passera di mare ha un corpo di forma ellisoide e come tutti i Pesci piatti presenta il tipico sciacciamento laterale di questo Ordine. Nell'età adulta ha entrambi gli occhi sul lato destro, mentre il lato sinistro è cieco e di colore biancastro, perchè viene tenuto abitualmente appoggiato al fondale marino. Sia le pinne dorsali che quelle ventrali sono tutte unite tra loro e formano due corone opposte. Questo Pesce può raggiungere la lunghezza di circa quaranta centimetri.
Nel nuoto fa ondeggiare le sue pinne e si spinge in avanti soprattutto con l'aiuto della coda, dalla caratteristica forma arrotondata a ventaglio.
E' dotata di un buon sistema nervoso, soprattutto per quanto riguarda i neurotrasmettitori che collegano gli organi sensoriali con i cromatofori presenti sotto le sue squame. Come anche la Sogliola e tutti i Pesci piatti, la Passera è in grado di mimetizzarsi perfettamente, rendendosi indistinguibile dallo sfondo, poichè i cromatofori riproducono i colori ambientali percepiti dal Pesce.

Si riproduce tra la fine dell'inverno e l'inizio della primavera.
Le femmine depongono fino a due milioni di uova, queste rimangono galleggianti sulla superficie dell'acqua fino alla loro apertura. Dopo la schiusa delle uova nascono larve trasparenti e di forma simmetrica, con abitudini pelagiche, cioè nuotano linberamente a diverse profondità. Con lo sviluppo le larve diventano via via più bentoniche, cioè sostano sul fondo, appoggiandosi sul fianco sinistro. Subiscono la metamorfosi tipica delle specie Pleuronettiformi: crescendo, il corpo si appiattisce, cominciano a diventare asimmetriche: l'occhio sinistro si sposta sul fianco destro e il lato sinistro del pesce si schiarisce.

Poichè è un pesce le cui carni sono ritenute eccellenti, la Passera è molto ricercata e viene pescata tutto l'anno ma soprattutto d'inverno con reti a strascico, gabbie o rapidi.

Asaki San

  »»»»»»»»»•««««««««««

L'illustrazione in alto può essere scaricata gratuitamente e stampata.  L'immagine è in formato jpeg, se stampata può essere contenuta nelle dimensioni di un foglio A4 con la definizione di 72 dpi.
Se vuoi copiare questa immagine jpeg in un testo word, clicca col tasto destro del mouse sull'immagine, scegli "copia", entra con il cursore nel testo, clicca con il destro, scegli "incolla", e vedrai l'immagine inserita.

Se vuoi riutilizzarla in seguito puoi salvare l'immagine sul tuo computer. Basta cliccare con il tasto destro, scegliere "salva immagine col nome...", 
assegnare un nome e l'immagine è pronta.

Per stamparla direttamente, puoi cliccare sull'immagine col tasto destro e scegliere "stampa immagine".

Ricordati che questa immagine è coperta da copyright, pertanto la scritta del copyright non può essere eliminata o cancellata. Puoi utilizzare l'immagine per uso personale. Non puoi modificare, tagliare o utilizzare questa immagine per scopo di lucro. 
Se pubblichi l'immagine su web o altro cita l'autore e questo sito. Rispetta i diritti d'autore.

 

  »»»»»»»»»•««««««««««

 

Bibliografia

O. Cattani. Pesci. in : AA.VV. Adriatico. Le stagioni del nostro mare. Amministrazione Provinciale diForlì-Cesena. Edizione Stampa MDM Forlì 1992
Enciclopedia Universo. Istituto Geografico De Agostini Novara, 1971
AA.VV. Nel meraviglioso regno degli animali. Armando Curcio Editore, Roma 1972

 

Approfondimenti:passera, pesci, animali, Adriatico, mare, Asaki San, immagine da colorare, .

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK