Partina


Chiesa di San Biagio a Partina Ex Museo Archeologico di Partina Il Castello di Partina Pieve di Santa Maria Assunta a Partina Villa La Mausolea


torna indietro: Turismo d'arte

Chiesa di San Biagio a Partina

Colpo d'occhio  >  Turismo d'arte

La Chiesa di San Biagio a Partina è già documentata dal XIII secolo nel nel Regesto dei monaci di Camaldoli, dove risulta affacciata sulla piazza, situata presso il "piano delle vigne". Si trattava di una piccola costruzione che fungeva da oratorio ed a quel tempo era sottoposta alla più importante Pieve di Santa Maria Assunta. Le notizie sulle origini e sulle vicende costruttive sono scarse, ma sappiamo che la chiesetta assunse un'importanza maggiore nel corso del XVIII secolo, in seguito alla decadenza della Pieve.

 


Chiesa di San Biagio a Partina. 1784-93. Veduta dell'interno. Foto: A. Cocchi

L'importanza di San Biagio crebbe nel 1744, quando la chiesa assunse il ruolo di "Prioria". Quarant'anni dopo, il 20 Aprile 1784, il Vescovo Nicola Marcacci stabilì con un decreto la soppressione dell'antica Pieve di Santa Maria Assunta, ormai in rovina, e il passaggio a "Pievania" di san Biagio. Si rese quindi necessario l'ampliamento e rinnovamento della chiesa nelle forme attuali. La ricostruzione avvenne probabilmente tra il 1784 e il 1793. Successivamente si sono susseguite altre modifiche e diversi interventi di restauro, tra cui quelli avvenuti nel XX secolo.

 


Chiesa di San Biagio a Partina. 1784-93. Veduta della facciata. Foto: A. Cocchi

 

La costruzione ha pianta a croce latina, con abside e transetto di forme squadrate, corti ma piuttosto ampi rispetto al corpo della chiesa. All'esterno presenta un aspetto semplice, proporzionato e classico, in cui spicca il delicato contrasto tra le membrature grigie in pietra serena e l'intonaco color crema. La facciata a capanna  si conclude con un timpano triangolare sostenuto da quattro paraste angolari di ordine gigante con capitelli dorici. Al centro della facciata un grande oculo ripete in proporzioni maggiori l'oculo che si apre nel frontone.

 


Chiesa di San Biagio a Partina. 1784-93. Portale neoclassico. Foto: A. Cocchi

Il portale è architravato e riprende in scala minore il motivo del timpano e delle doppie paraste. Rispetto alla parte anteriore la zona absidale è più spoglia e con muratura a vista.


Abside della chiesa di san Biagio. Foto: A. Cocchi

 


L'interno, ad aula unica,  è ampio e solenne, coperto da una volta a botte ribassata poggiante su una trabeazione con cornice in aggetto. Le paraste  sostengono la volta e scandiscono le pareti in campate. La stessa scanione regolare viene ripresa sul soffitto dalle costolature piatte che attraversano la volta e formano una serie di archi ribassati. 

 



Volte della Chiesa di san Biagio. Foto: A. Cocchi

Procedendo verso il presbiterio, una grande serliana con arco trionfale separa lo spazio della navata dal transetto e dall'area presbiteriale. Il grande arco si imposta su colonne con capitelli ionici e festoni dorati, ripresi anche nei capitelli delle paraste. Il presbiterio è coperto da una cupoletta emisferica, con oculo centrale e quattro peducci di raccordo.

 


Chiesa di San Biagio. Interno. Veduta verso l'ingresso. Foto: A. Cocchi

 

Entrando oggi nella chiesa si nota un forte contrasto di luce tra il presbiterio, luminosissimo per via delle finestre del transetto e della cupola, e la navata più in ombra. In origine però la navata doveva essere molto luminosa, soprattutto in alto, per via delle numerose finestre ora chiuse e l'aggetto della trabeazione poteva creare un'ombra molto più attenuata di quella attuale. La luce più diffusa metteva sicuramente in evidenza i colori, secondo un gusto tipicamente settecentesco: le sfumature rosa e verdi di colonne e paraste, le decorazioni dorate dei capitelli bianchi e il delicato contrasto tra l'intonaco color crema delle pareti e le membrature bianche.

  


Altare Maggiore, chiesa di san Biagio, Partina. Foto: A. Cocchi

 

Alla sobrietà architettonica si associa anche una sobrietà nelle decorazioni e negli arredi. Ai lati dell'altare, nelle pareti interne dell'abside si trovano le due belle statue di Angeli porta-cero in legno intagliato e dipinto, opera di uno degli abili maestri intagliatori molto attivi tra Sei e Settecento nel territorio casentinese. Le statue poggiano su piedistalli sorretti da mensole. Ai due angoli del transetto, rivolte verso la navata sono ricavate due nicchie ad arco contenenti due statue di santi.

 


Angelo porta-cero. Chiesa di san Biagio, Partina. Foto: A. Cocchi

La decorazione pittorica è riservata soprattutto alla cupola, dove sono rappresentati, secondo una composizione a croce, i quattro Evangelisti seduti sul trono e quattro tondi con gli arcangeli. Si tratta di una composizione che riprende una soluzione tipicamente bizantina.


La cupola della chiesa. Foto: A. Cocchi

 

Sul soffitto della navata, al centro, racchiuso in una cornice mistilinea in stucco, è dipinto il disco solare con il monogramma di Cristo.

 


Vetrata con San Biagio. Chiesa di san Biagio a Partina. Foto: A. Cocchi

Particolarmente belle sono le vetrate delle finestre, istoriate e a colori vivaci, purtroppo non visibili chiaramente perchè in ombra. Una di esse che si apre sulla parete dell'abside, dietro all'altare, rappresenta san Biagio con due fedeli.

A. Cocchi

 

Bibliografia:

AA. VV. Notiziario della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, 2, 2006. Scavi e ricerche sul territorio. Edizioni All'Insegna del Giglio S.a.S., Firenze 2007
AA. VV. Notiziario della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, 1, 2005. Scavi e ricerche sul territorio. Edizioni All'Insegna del Giglio S.a.S., Firenze 2006
A. Bottacci, F, Belli, S: Gabiccini, G. Mulinacci, E. Sassoli, E. Trujillo, S. Tosi. Badia Prataglia. Il paese del bosco. DB Grafica, Arezzo, 2008
AA.VV. Poppi, Badia Prataglia, Camaldoli, Moggiona, Lierna nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi. AG La mia guida Turistica. Comune di Poppi, 2007
E. Nistri, N. Tondini. Di castello in castello. L'Aretino. Trainer International editore. I Libri del Bargello. Milano, 1991
A. Piroci Branciaroli, A. Chessa. Casentino. Terra di santi e cavalieri. Aska edizioni. Firenze 2008 Stampa: Industria Grafica Valdarnese.
M. Quercioli. Poppi. Il borgo medievale e il Castello dei Conti Guidi. Libreria dello Stato Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Roma 2004. S. Frigerio. Camaldoli. Edizioni Camaldoli- Pazzini Editore, Verucchio 2005. 
AA.VV. Toscana. Touring Club Italiano, Milano 2005.
A. Fatucchi. La pieve antica di Partina e il suo vasto territorio, in: AA.VV. Profilo storico di Partina. Stia 1993.
A. Scarini. Pievi romaniche in Casentino. Grafiche Calosci Cortona 1999.
AA.VV. Profilo di una valle attraverso l'archeologia. Il Casentino dalla Preistoria al Medioevo. A cura del Gruppo Archeologico Casentinese. Arti Grafiche Cianferonio. Stia (AR) 1999.
G. Nocentini. Storia e turismo in Casentino: La guida. Edizioni Helicon, Arezzo 1998
M. Ducci (a cura di) Santuari Etruschi in casentino. Comunità Montana del Casentino. 2004 Ponte a Poppi.
S. Borchi (a cura di) Atti della giornata di studi su Gli scavi e le indagini ambientali nel sito archeologico del Lago degli Idoli.  Comunità Montana del Casentino. Arte Grafiche Cianferoni, Stia 2006.
A. Scarini. I Della Robbia i Casentino. Grafiche Calosci. Cortona 2005.
D. Parenti, S. ragazzini (acura di) Jacopo del Casentino e la pittura a Pratovecchio nel secolo i Giotto. Maschietto Editore. Tipografia Bandecchi e Vivaldi, Pontedera 2014.
AA.VV.Il Seicento in Casentino. Pagliai Polistampa, Firenze 2001
AA. VV. Notiziario della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, 2, 2006. Scavi e ricerche sul territorio. Edizioni All'Insegna del Giglio S.a.S., Firenze 2007

 

 

Approfondimenti:San Biagio, chiesa, .

Stile:Settecento.

Per saperne di più sulla città di: Partina

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Cupola della Chiesa di San Biagio a Partina. Fine del secolo XVIII. Foto: A. Cocchi





 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK