Vuolvinio


Altare d'oro di Sant'Ambrogio Lato anteriore: le Storie di Cristo Lato posteriore: Storie di Sant'Ambrogio Lati minori: le croci Le reliquie nell'altare Sant'Ambrogio


torna indietro: Artisti

Le reliquie nell'altare

Storia dell'arte.  >  Artisti

Il 13 gennaio 1864 la Chiesa volle cercare di recuperare da una cripta posta sotto l’altare le reliquie di Gervasio, Protasio e naturalmente Ambrogio, il quale fu a suo tempo colui che trovò i corpi dei due santi in quanto il loro cimitero si trovava nel luogo in cui fu costruita la basilica. Però c’erano solo due “loculi” vuoti, uno grande, dedicato ai due santi e uno più piccolo che doveva custodire le spoglie di sant'Ambrogio, con un'unica urna di porfido.
L'8 agosto 1871 finalmente si decise di aprire l’urna: dentro vi era solo dell’acqua stranamente limpidissima, sul fondo invece trovarono 3 scheletri che furono attribuiti ai tre santi già citati. Il 14 maggio 1874 queste reliquie furono portate in una nuova urna più preziosa, in argento e cristallo, che era stata realizzata per l’occasione.

Oggi l’altare è collocato sotto il ciborio, affinché si capisca che le reliquie ci sono ancora, benché collocate sotto l'altare e visibili da una finestrella posta nel lato posteriore di questo. L’altare è comunque protetto da una teca di vetro trasparente.

L. Cenni (alunno del Liceo Classico Monti, Cesena)


Bibliografia

Gricco, F. Di Teodoro Itinerario nell’arte, vol. 2. Zanichelli editore, 2006
Enciclopedia Encarta® 2006
Enciclopedia Finson® 2006
Enciclopedia multimediale Wikipedia® 2009
Enciclopedia Wikipedia-exa® 2007-2008
Enciclopedia Treccani® multimediale 2009
Enciclopedia Sapere® multimediale 2009 

 

Approfondimenti:Vuovinio, reliquia, reliquiario, altare, .

Stile:Arte Carolingia.

Per saperne di più sulla città di: Milano

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


L’altare di sant’Ambrogio sotto il ciborio di Angilberto. Milano.

swimme

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK