Valle delle Regine


Deir el Medina La costruzione delle tombe Necropoli di Ta set neferu Storia della necropoli di Ta set neferu Testimonianze cristiane nella Valle delle Regine Tipologie delle tombe nella Valle delleRegine Tomba anonima n. 40 Tomba del principe Ahmès Tomba del principe Amon-her-khepeshef Tomba del principe Kha-em-uaset Tomba del principe Seth-her-khepeshef Tomba della regina Nebet-tauy Tomba della regina Tity Tomba incompiuta della regina Sat-Ra


torna indietro: Luxor

Testimonianze cristiane nella Valle delle Regine

Turismo d'arte  >  Luxor

La Valle delle Regine oltre alla Ta set neferu, celebre necropoli dell'Antico Egitto, conserva anche numerose testimonianze paleocristiane.
Nell'area a nord della Valle delle Regine, in Egitto, si apre la Valle dei Tre pozzi, in cui si trovano i resti del Deir Rumi, un antico monastero copto risalente al VI secolo.
Il monastero venne costruito sfruttando in parte l'ingresso di una tomba ramesside incompuita e in parte sui resti di un tempietto romano. Nell'ingresso della tomba abbandonata venne ricavata una cappella. Il nome "Deir Rumi" significa "Convento dei Bizantini", ed è presso questi resti che l'egittologo Ernesto Schiaparelli nel 1904 scelse di sistemare il campo della Missione Italiana impegnata negli scavi della Valle. La sede è ancora oggi in funzione, con la piccola costruzione adibita a magazzino dei reperti. Allo stesso Schiaparelli e alla sua esplorazione si deve la scoperta di tre pozzi funerari di età ramesside, da cui deriva la denominazione del luogo.

Altri resti di insediamenti copti si trovano sul lato meridionale, nello uadi principale della Valle delle Regine, in una zona denominata Valle del principe Ahmès, per la presenza della Tomba di Ahmès. Le numerose celle ad uso abitativo e di culto ancora oggi visibili testimoniano come in epoca copta questo luogo fu abitato da eremiti.

Un'altra area in cui sono stati ritrovati antichi insediamenti cristiani  è la Valle della corda, sul lato nord del territorio della Valle delle Regine. Il luogo, anch'esso abitato da eremiti, che si erano stabiliti nelle grotte naturali, in posizioni molto difficili da raggiungere, era collegato con il Deir Rumi mediante un sentiero. Nei pressi dell'eremo sono stati ritrovati anche due pozzi funerari della XVIII dinastia egizia.
A questi insedianmenti si aggiungono i numerosi esempi di riuso delle tombe delle necropoli egiziane che hanno spesso comportato veri fenomeni di vandalismo religioso. Alla profanazione delle sepolture con distruzioni di mummie e dispersione dei resti e dei corredi funerari, si sono verificati anche casi di danneggiamento ai monumenti sepolcrali. Spesso all'interno delle tombe, trasformate in cappelle cristiane, sono stati scavati altri vani e soprattutto distrutti molti cicli di affreschi perchè ritenuti pagani, cone nel caso della Tomba della Regina Nebet-Tauy, risalente alla XIX dinastia. Altre volte l'uso di candele e torce ha provocato incendi, come quello che ha danneggiato gli splendidi dipinti della Tomba del Principe Seth-her-khepeshef, figlio di Ramesse III.

A. Cocchi


BIbliografia.

C. Le Blanc, A. Siliotti e prefazione di M. I. Bakr. Nefertari e la Valle delle Regine. Giunti, Firenze, 2002
A. Gabucci (a cura di), A. Fassone, E. Ferraris. Storia dell'architettura. Egitto.  Gruppo Editoriale l'Espresso. Bergamo, 2009
AA.VV. La Storia dell'Arte. Le prime civiltà. Electa editore. Milano, 2006
AA.VV. Egitto. Archeologia e storia. Vol. I Folio editrice
G. Cricco, F.P. Di Teodoro Itinerari nell'arte. Vol. I. Zanichelli editore, Bologna 2003
E. Bernini, R. Rota Eikon. Guida alla storia dell'arte. Vol.I. Editori Laterza, Bari, 2005
M. D. Appia Egitto. L'avventura dei Faraoni fra storia e archeologia. Fabbri Editori, I fasc.
F. Negri Arnoldi Storia dell'arte vol I. Gruppo editoriale Fabbri, Milano 1985
P. Adorno, A. Mastrangelo Arte. Correnti e artisti. Vol. I. Casa editrice G. D'Anna, Firenze 1994
N. Frapiccini, N. Giustozzi. La geografia dell'arte. Vol.1 Hoepli editore, Milano 2004
S. Pernigotti Gli artisti nell'antico Egitto Dossier in Archeo. Attualità del passato. anno XVII n.1 (191) gennaio 2001
www.francescomorante.it
www. Grandeportale-artecultura.it

 

Approfondimenti:santuario, necropoli, eremo, .

Stile:Arte egizia, Arte Paleocristiana.

Per saperne di più sulla città di: Luxor

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Monastero copto di Deir Rumi. Veduta d'insieme. VI secolo. Valle del principe Ahmès, Luxor, Egitto. Fonte: C. Le Blanc, A. Siliotti e prefazione di M. I. Bakr. Nefertari e la Valle delle Regine. Giunti, Firenze, 2002


Monastero copto di Deir Rumi. La cappella. VI secolo. Valle del principe Ahmès, Luxor, Egitto. Fonte: C. Le Blanc, A. Siliotti e prefazione di M. I. Bakr. Nefertari e la Valle delle Regine. Giunti, Firenze, 2002



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK