Valle d'Aosta


Arte nella bassa valle della Dora Baltea Età romana in Valle d'Aosta I Castelli della Valle d'Aosta Il Medioevo in Valle d'Aosta Itinerari storico-artistici in valle d'Aosta Le torri della Valle d'Aosta L'Età feudale in Valle d'Aosta Preistoria e protostoria in Valle d'Aosta Turismo archeologico in Valle d'Aosta


torna indietro: Turismo d'arte

Preistoria e protostoria in Valle d'Aosta

Colpo d'occhio  >  Turismo d'arte

In Valle d'Aosta le testimonianze storico-artistiche più antiche risalgono alla Preistoria. Antichi stanziamenti dalla fase finale
del Neolitico sono documentati a Saint-Pierre, mentre le culture del III Millennio a. C. hanno lasciato diversi reperti, ritrovati tra i corredi funerari delle necropoli di Villenuve, Saint-Nicolas, Montjovet e Vollein. La scoperta dei filoni di rame argento e oro da parte di quelle antiche civiltà ha stimolato una interessante attività di lavorazione dei metalli e oreficeria.
Nella località di St-Martin-de-Corléans, in Aosta è stato ritrovato un importantissimo santuario preistorico, frequentato per tutto il III millennio a. C. Si tratta di un'area di culto caratterizzata da monumenti megalitici con funzione religiosa e funeraria composto di stele antropomorfe, tombe di vario tipo e un sacello con un altare e una stele votiva dedicati a divinità lunari.
Le ricerche archeologiche non hanno ancora riportato alla luce le tracce dell'antica Cordela,
leggendaria citta che secondo Catone e Polibio, sarebbe stata fondata dal popolo dei Salassi
nell'area dell'attuale Aosta.
Poco distante da Aosta si può visitare il sito archeologico di Vollein dove si trova la
suggestiva necropoli eneolitica, con interessanti incisioni rupestri e corredi funerari.


Numerosi sono in Valle d'Aosta i resti di insediamenti d'altura, riferibili a villaggi e
necropoli della Tarda Età del Bronzo ed Età del Ferro. Si tratta di aggregati di capanne, in
alcuni casi circondati da robuste murature a secco, collocati in posizioni strategiche che in
seguito saranno occupate dai castelli medievali. Dai reperti archeologici sembra che in questo
periodo si fossero stanziati in Valle d'Aosta popolazioni celtiche e liguri fuse insieme,
indicate dai Romani come "genti Salasse". I Salassi oltre all'attività agricola, pastorale e
mineraria praticavano il commercio, sfruttando i passi transalpini.

 

Approfondimenti:preistoria, protostoria, archeologia, reperto, cromlech, santuario, necropoli, tomba, .

Stile:Arte della Preistoria.

Per saperne di più sulla città di: Valle d'Aosta

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 

swimme

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK