Valle d'Aosta


Arte nella bassa valle della Dora Baltea Età romana in Valle d'Aosta I Castelli della Valle d'Aosta Il Medioevo in Valle d'Aosta Itinerari storico-artistici in valle d'Aosta Le torri della Valle d'Aosta L'Età feudale in Valle d'Aosta Preistoria e protostoria in Valle d'Aosta Turismo archeologico in Valle d'Aosta


torna indietro: Turismo d'arte

Età romana in Valle d'Aosta

Colpo d'occhio  >  Turismo d'arte

Gli scontri militari tra il popolo dei Salassi, stanziato in Valle d'Aosta e Roma sono documentati a partire dal 143 a. C. per terminare nel 25 a. C. con la conquista di Aosta da parte di Aulo Terenzio Varrone Murena, legato di Augusto. Quasi tutti gli antichi abitanti dela Valle d'Aosta furono deportati dai romani e venduti come schiavi, il territorio venne colonizzato dai Romani e venne fondata Augusta Praetoria Salassorum in corrispondenza alla attuale città di Aosta.
L'aspetto del territorio della Valle d'Aosta venne completamente trasformato dalla sistematica riorganizzazione operata dai Romani. Dai piccoli villaggi fortificati sparsi sulle alture si passò ad una pianificazione razionale: venne tracciata la rete stradale, sull'asse della Via Consolare delle Gallie, sviluppato l'impianto urbanistico della città di Aosta e ridisegnato il sistema fondiario.
L'importanza strategica e politica di Augusta Praetoria è testimoniata dalle monumentali opere pubbliche che caratterizzavano la città romana. Sono ancora visibili i resti delle poderose mura romane erette in blocchi di pietra a difesa della città. Si conservano nelle forme originarie
la Torre del Pailleron e la Torre del Lebbro, due delle venti torri che sorgevano sulla cinta muraria, mentre le altre sono statetrasformate in epoca medielvali.
Altri monumenti di età romana presenti ad Aosta, sono: il Teatro romano, L'Arco di Augusto, e la Porta Pretoria,
mentre i numerosi reperti ritrovati dagli scavi archeologici sono conservati presso il Museo Archeologico. I link testo permettono di accedere agli approfondimenti.

Intorno ad Aosta ed in tutta la regione, seguendo il tracciato della imponente rete stradale sviluppata sull'asse della via delle Gallie, il territorio è disseminato di importanti testimonianze risalenti alla dominazione romana. Resti dei ponti romani si possono vedere a Point-Saint-Martin, a Saint Vincent, a Chatillon e a Pondel, dove rimane l'antico ponte-acquedotto. A Donnas è stato riportato alla luce un tratto della via consolare, ad Arnad è presente una torre romana.

 

Approfondimenti:Archeologia, turismo, .

Stile:Arte Romana.

Per saperne di più sulla città di: Valle d'Aosta

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK