Tecniche artistiche


Arte della Fotografia I cantieri edili nel Medioevo Il collage Il rilievo schiacciato La prospettiva Manoscritti e miniature Tecnica del Niello Tecnica dell'affresco Tempera su tavola


torna indietro: Argomenti

Tecnica del Niello

Storia dell'arte  >  Argomenti

Il niello è una tecnica conosciuta fin dall'antichità, utilizzata soprattutto nella decorazione di oggetti in argento. Nella civiltà bizantina il niello venne perfezionato e utilizzato per la decorazione delle armi.
La tecnica consiste in un intarsio eseguito su superficie metallica. Da questa lavorazione si ottiene un piano liscio decorato come una pagina miniata, con effetto coloristico e decorativo.

 


Coppa d'argento decorata a niello, dalla necropoli di Enkomi. XIV sec. a.C. Museo di Cipro

 


La superficie metallica viene incisa, mediante un bulino, con sottili solchi secondo un minuto disegno. Secondo la tecnica originale, descritta da Plinio i solchi vengono poi riempiti con un amalgama in fusione composto da argento, rame e zolfo. Gli antichi orafi per eseguire questo tipo di lavoro dovevano essere anche degli esperti smaltatori, essendo questa tecnica una delle più importanti e raffinate dell'oreficeria.

 


Calice da champagne in argento decorato a niello. 1855, Mosca, collezione privata.

 

Nel Medioevo e poi nel Rinascimento nell'amalgama di riempimento si aggiunse anche il piombo. Il niello divenne una decorazione di moda nei secoli XI e XII, ma si diffuse soprattutto durante il Rinascimento nella decorazione delle armi, prendendo ad esempio le armi niellate dell'Oriente. 
In seguito e ancora oggi la tecnica è usata nell'oreficeria e si applica con un composto di colore nero formato da argento, stagno, rame, borace e zolfo. Un'opera celebre incui si utilizza il niello è la Deposizione di Benedetto Antelami, nel Duomo di Parma.

A. Cocchi


 

Bibliografia

G.C. Argan. Storia dell'arte italiana. Vol. 1. Sansoni Editore, Milano 1982
F. Negri Arnoldi. Storia dell'Arte. Vol. 1. Gruppo editoriale Fabbri, Milano 1986
A. C. Quintavalle. Tra Parma e Chartres. in: Art e Dossier n. 49, settembre 1990 Giunti, Firenze.
C. Mutti, M. Ravenna. La pietra racconta i misteri dell'uomo. in: Bell'Italia-speciale Parma, suppl. al n. 14, settembre 1989, Editoriale Giorgio Mondadori, Milano
M. C. Alfieri, R. Cattani, M. Fornari, a cura di: L. Fornari Scianchi. Parma, storia, arte e monumenti. Edizioni Italcards, Bologna.

 

Approfondimenti:niello, tecnica, oreficeria, metallurgia, .

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK