Arte sumerica


Civiltà sumerica: periodizzazione Le antiche città sumeriche L'uso del mattone La Ziggurat di Ur Periodo protostorico Scultura protostorica Busto di fedele da Uruk Testa femminile da Uruk Architettura protostorica Periodo protodinastico e accadico Scultura protodinastica La scultura del periodo accadico L'architettura protodinastica Periodo neosumerico L'architettura neosumerica


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Le antiche città sumeriche

Storia dell'arte  >  Stili

Le città sumeriche, come tutte le citta mesopotamiche, hanno una struttura concentrica e la maggioranza degli edifici sono in mattoni.

Cinte da potenti mura rafforzate da numerose torri, muri a scarpa e contrafforti, sono dotate di un solido sistema di difesa, sorvegliato da guardie e soldati.
Generalmente, le città più grandi sono difese da almeno due cinte murarie, una più esterna, che divide la città della campagna, e una più interna che divide la periferia (dove vive il popolo e si svolgono le attività quotidiane) dal centro politico e religioso.

All'interno della prima cerchia muraria si sviluppano, strade, piazze, e sorgono le abitazioni e le botteghe. Le abitazioni sono costruzioni semplici, realizzate solitamente con materiali deperibili come argilla cruda, legno, ecc.
Le botteghe sono simili alle abitazioni, per materiali e forme, ma dotate di spazi attrezzati per lo svolgimento delle attività produttive e commerciali. Di queste non è rimasto quasi nulla, tranne qualche traccia nel terreno.
Secondo l'antica concezione mesopotamica la città appartiene a una divinità, al cui servizio soltanto la comunità può prosperare. Per questo la città stessa è considerata sacra, e ospita al suo interno una vasta area completamente dedicata alla divinità: una cittadella dentro la città.
Dentro la cerchia muraria più interna, infatti, sorge il quartiere sacro, dotato di monumentali palazzi-tempio di proporzioni gigantesche: le ziggurat, per gli antichi Sumeri, "montagne di dio".
Attorno alla ziggurat, sempre nel quartiere sacro, sorgono palazzi ed edifici amministrativi, piazze, strade, zone attrezzate e predisposte al culto e cerimonie religiose, altri edifici religiosi.
Costruito con materiali non deperibili, come il mattone, il quartiere sacro offre le testimonianze e i reperti meglio conservati oltre alla maggiore concetrazione di opere d'arte di questa civiltà.

 

A. Cocchi



Bibliografia e sitografia

R. Bossaglia Storia dell'arte. Dall'Antichità al Gotico Internazionale. Principato Editrice, Milano 2003.
AA.VV. Vivere l'arte. libro per il docente. Bruno Mondadori Editore, Milano  2008
La Nuova Enciclopedia dell’arte Garzanti, Giunti, Firenze 1986
G. Cricco, F.P. Di Teodoro Itinerari nell'arte. Vol.I
P. Adorno, A. Mastrangelo Arte. Correnti e artisti vol.I
F. Negri Arnoldi Storia dell'arte vol I
S. Pernigotti Gli artisti nell'antico Egitto Dossier in Archeo. Attualità del passato. anno XVII n.1 (191) gennaio 2001
E. Ascalone I sumeri. Quando la regalità scese dal cielo in AA.VV. La Storia dell'Arte. Le prime civiltà Vol. I Electa 2006
AA.VV. Egitto. Archeologia e storia. Vol. I Folio editrice

 

Approfondimenti:Sumeri, città, architettura, Civiltà, archeologia, ziggurat.

Stile:Civiltà del Medio Oriente, Arte sumerica.

Per saperne di più sulla città di: Mesopotamia

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Frammento di iscrizione cuneiforme di Urukagina (o Uruinimgina), ensi di Lagash. Terracotta, ca. 2350 a.C., scoperta a Tello (antica Girsu).


Resti dell'antica città di Ur, presso Nassrya, Iraq.


Figurina di fondazione del re Ur-Baba di Lagash, proveniente da Tello, XXII sec. a.C., Parigi Louvre.



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK