Simone Martini


La formazione dei Simone Martini Produzione pittorica Maestà Iconografia della Maestà La Maestà e il Dolce Stil Novo Annunciazione


torna indietro: Artisti

Iconografia della Maestà

Storia dell'arte  >  Artisti

Nella Maestà dipinta da Simone Martini nel Palazzo Pubblico di Siena, al centro, sotto un baldacchino ornato dagli stemmi della Repubblica di Siena, la Madonna col Bambino siede su un sontuoso trono gotico, circondata da una moltitudine di santi, apostoli e angeli. I personaggi sono disposti su tre semiellissi concentriche.
A destra rispetto al trono figurano san Paolo, l'arcangelo Gabriele, la Maddalena, san Giovanni Evangelista e santa Caterina d'Alessandria.
A sinistra: San Pietro, l'arcangelo Michele, sant'Agnese, san Giovanni Battista e santa Barbara.
I quattro santi patroni della città di Siena si trovano inginocchiati ai piedi dell'altare, sono: san Crescenzo, san Vittore, san Savino e sant'Ansano. In primo piano si notano i due angeli che offrono alla Madonna gigli e rose su vassoi d'oro.

Il grande baldacchino, vivacemente colorato, accoglie i personaggi e crea un efficace effetto di spazio. Le forme ondulate suggeriscono la leggerezza del tessuto mosso da una brezza, e i sostegni, alti ed esili, scandiscono lo spazio armonicamente secondo un ritmo musicale.

La composizione è inquadrata da una cornice a fondo rosso ornata con racemi dorati classicheggianti, in cui campeggiano medaglioni di due diverse grandezze, disposti in modo alternato. Nei medaglioni più grandi sono rappresentati i busti di santi e padri della Chiesa, nelle due fasce in alto e in basso. Ai lati figurano i profeti, e negli angoli i quattro evangelisti.  In alto in posizione centrale si nota il medaglione con Cristo benedicente, in basso, in corrispondenza a quest'ultimo, l'allegoria della Vecchia e della Nuova Legge (Lex vetus, Lex nova), rappresentata con un busto di donna con due teste, una vecchia e una giovane. Questo medaglione è fiancheggiato da due cartigli che riportano il Decalogo e i Sette Sacramenti e il dritto e il rovescio della moneta di Siena.
Nei tondi più piccoli sono rappresentati gli stemmi della città di Siena: la "balzana" bianco-nera, simbolo della Repubblica senese, e il leone rampante, simbolo del popolo senese presente nel sigillo del Capitano del popolo.

A. Cocchi


Bibliografia

P. Torriti. Simone Martini. Dossier Art  n. 56, Giunti, Firenze, 1991
La Nuova Enciclopedia dell'Arte, Garzanti, 1986
E. Bernini. R. Rota. Figura 1. Profili di storia dell'Arte. Editori Laterza. Roma-Bari 2002
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 1, Zanichelli Bologna 2004
G. Contini, M.C. Gozzoli. L'opera completa di Simone Martini. Classici dell'Arte Rizzoli, Milano, 1966
E. Castelnuovo. Pittori girovaghi nell'Avignone dei papi. in: Il romanzo della pittura. Giotto e i maestri del Trecento. Supplemento a La Repubblica, Arnoldo Mondadori, Verona, 1988
P.L.L. de Castris. La Napoli cortese del saggio Roberto.in: Il romanzo della pittura. Giotto e i maestri del Trecento. Supplemento a La Repubblica, Arnoldo Mondadori, Verona, 1988
G. Bonsanti. Simone Martini. Associazione per le Casse di Risparmio italiane, Roma 1994


 

Approfondimenti:Simone Martini, pittura, iconografia, Madonna, santi, Alessandra Cocchi, A. Sturmer, .

Stile:Gotico.

Per saperne di più sulla città di: Siena

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Sala del Mappamondo, Palazzo Pubblico di Siena. Veduta dell'affresco con la Maestà di SImone Martini.


Simone Martini. Maestà. Part. della cornice con un profeta. 1315. Affresco con inserti in vetro, foglia d'oro e punzonatura, smalti, carta. cm. 763X970. Siena, Palazzo Pubblico.


Simone Martini. Maestà. Part. con Sant'Ansano, protettore di Siena. 1315. Affresco con inserti in vetro, foglia d'oro e punzonatura, smalti, carta. Siena, Palazzo Pubblico.


Simone Martini- La Maestà: particolare raffigurante il Sigillo della città di Siena. Siena, Palazzo Pubblico

swimme

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK