Signorini


Mercato vecchio a Firenze Bambini colti nel sonno L'alzaia Sul colle a Settignano


torna indietro: Artisti

L'alzaia

Storia dell'arte  >  Artisti

L'alzaia, realizzato nel 1864 è sicuramente uno dei dipinti più conosciuti di Telemaco Signorini. Rappresenta dei braccianti durante il loro lavoro, impegnati a trascinare con delle corde una chiatta, lungo l'argine dell'Arno (chiamato "alzaia"). I braccianti sono mostrati con le gambe affondate fino ai polpacci nel terreno, le braccia abbandonate lungo i fianchi, vestiti di colori scuri con solo le maniche bianche arrotolate che fanno contrasto con la carnagione, abbronzata dalla presenza costante al sole. I visi sono girati verso davanti tranne quello dell'ultimo che è girato verso lo spettatore, l'espressione di questo è chiaramente stanca, lo sguardo volto verso il terreno a guardare quanto manca probabilmente. La stanchezza, l'atteggiamento esausto degli uomini che si muovono solo per inerzia contrasta con il paesaggio circostante, che anche grazie ai colori chiari ci trasmette serenità, calma. Questo quadro funziona come un manifesto di denuncia sociale. Denuncia per i contadini sfruttati contro la borghesia sfruttatrice, tematica generalmente molto affrontata e discussa all'epoca in cui anche Signorini decise di far sentire la propria opinione.

D. Perna


Bibliografia:


Matteucci Giuliano Mazzocca Fernando Sisi. Telemaco Signorini e la pittura europea. Carlo Marsilio editore, settembre 2009

 

Approfondimenti:Signorini, operaio, lavoro, società.

Stile:Ottocento.

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Telemaco Signorini. L'alzaia.(Dett) 1864. Olio su tela. cm. 58,4x 173,2.Collezione privata


Telemaco Signorini. L'alzaia. 1864. Olio su tela. cm. 58,4x 173,2.Collezione privata



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK