Seicento


La pluralità di stili nel Seicento I precedenti culturali dell'arte del Seicento I centri artistici del Seicento in Italia Roma nel Seicento Bologna nel Seicento Napoli nel Seicento Firenze nel Seicento


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Napoli nel Seicento

Storia dell'arte  >  Stili

II '600 a Napoli è stato straordinario, mentre nel '500 ha rappresentato una cultura secondaria. Tutto ciò è dovuto ad alcuni fatti precisi avvenuti in questo secolo.

A) In primo luogo è determinante come fatto pittorico la presenza di Caravaggio a Napoli nel 1607-09. Caravaggio passa per due volte a Napoli, compie alcune opere importantissime, e vi rimase per un anno nel 1607.
Con l'influenza naturalistica della pittura di Caravaggio si apre un secolo nuovo, anche se a differenza dei Carracci non ha avuto una scuola. Infatti ogni quadro Caravaggio lo conduce sempre tutto da solo, secondo una sua idea individuale. Non si può parlare di scuola di Caravaggio, ma di una cerchia di artisti che si forma attorno a lui e rappresenta un modo di aggregarsi attorno al modello secondo procedure diverse e più individuali, rispetto a una scuola.

B)  La presenza, oltre a Caravaggio, dei bolognesi Lanfranco e Domenichino, i maggiori esponenti della seconda generazione, che portano un'ondata di classicismo, secondo la tradizione carraccesca bolognese.

C)  Verso il 1625 a Napoli si registra una nuova ondata di naturalismo con il Orazio e Artemisia Gentileschi e i caravaggeschi.

La pittura della Napoli nel '600 è quindi caratterizzata dalla presenza conteporanea di esperienze di cultura naturalistica e cultura classicista. Entrambe le correnti rappresentano per Napoli un fatto nuovo, poiché qui non c'era una cultura classicistica così forte come a Bologna. Per esempio, Battistello passa da un tardo manierismo ad essere un artista che dopo l'esperienza di Caravaggio diventa coraggiosamente nuovo, già nel 1607. Nessun altro artista in Italia dà una risposta così matura alla cultura caravaggesca.
Il rapporto con Caravaggio a Napoli comunque rappresenta un modo di esprimere una nuova sentimentalità.

 

A. Cocchi


Bibliografia:

A. Ottani Cavina. Dal ciclo di lezioni tenute presso L'università di Bologna, Dipartimento Arti Visive, Corso di Storia delle Arti a.s. 1984-85. Problemi dell'arte figurativa nei secoli XVII e XVIII
La storia dell'arte raccontata da E. H. Gombrich. Leonardo editore. Roma 1995
AA.VV. Moduli di arte - E - Dal neoclassicismo alle avanguardie. Electa - Bruno Mondadori, 2000
G. Cricco F.P. Di Teodoro. Itinerario nell'arte. Vol 3. Dall'età dei lumi ai giorni nostri. Zanichelli editore, Bologna 2005
G. Dorfles, F. Larocci, A. Vettese. Storia dell'arte. Vol. 3. L'Ottocento. Istituto Italiano Atlas Edizioni. Orio del Serio 2008
La Nuova Enciclopedia dell'Arte Garzanti, 1986
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 4, Zanichelli Bologna 2004

 

 

Stile:Seicento.

Per saperne di più sulla città di: Napoli

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 

swimme

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK