Raffaello


Raffaello e Urbino (video mostra) Formazione Il sogno del cavaliere Il periodo fiorentino Le madonne del periodo fiorentino Lo Sposalizio della Vergine Trasporto di Cristo I ritratti di Raffaello Ritratti di Agnolo Doni e Maddalena Strozzi Ritratto di Giulio II Ritratto di Baldassar Castiglione La velata Le Stanze vaticane Periodo romano Tondi Chigi


torna indietro: Artisti

Le madonne del periodo fiorentino

Storia dell'arte  >  Artisti

Il periodo fiorentino di Raffaello va dal 1505 al 1508, quando parte per Roma.

Raffaello nelle sue madonne crea un tipo di bellezza femminile pieno di grazia, di dolcezza e calore umano che diventa un punto di riferimento per tutti gli altri artisti fino all’800.
Le sue madonne hanno un aspetto devoto, umano e soave. La madonna raffaellesca è una madre dolce e protettiva.
Crea composizioni in cui gli  sguardi e i gesti dei personaggi esprimono il mondo degli affetti che li lega. I bambini sono molto veri, naturali, spontanei, si muovono e giocano con atteggiamenti ed espressioni tipicamente infantili.
Questi elementi si possono cogliere nella Madonna del Granduca, del museo Pitti  a Firenze e in altri quadri famosissimi.
Uno degli esempi più armoniosi è la cosiddetta Bella giardiniera del Louvre, eseguita nel 1507, che rappresenta l'incontro fra la Vergine, Gesù Bambino e san Giovannino.
Lo stesso tema è ripreso nella splendida Madonna del cardellino degli Uffizi, dello stesso anno e la Madonna del prato di Vienna.
Gli atteggiamenti, gli scambi di sguardi e la fusione delle figure con il paesaggio sono di chiara impronta leonardesca, anche se l'insieme è più placido e meno ambiguo, mentre la plastica composizione piramidale, il volume dei panneggi e il modellato risentono dell'insegnamento di Michelangelo.
Al tema della sacra famiglia, nello stesso periodo, dedica la la Sacra Famiglia Canigiani di Monaco.

A. Cocchi


Bibliografia e sitografia

P. De vecchi, M. Prisco L'opera completa di Raffaello in Classici dell'arte Rizzoli, Milano 1966
C. Strinati Raffaello Dossier Art n. 97 Giunti, Firenze 1995
G. Cricco, F. P. Di Teodoro Itinerario mnell'arte. Vol. 3 Dal Rinascimento al Manierismo. Zanichelli Editore, Ozzano Emilia  2006
Vivere l'arte. A cura di C. Fumarco e L. Beltrame. Vol. 2 Dal Rinascimento al Rococò. Bruno Mondadori Editore, Verona 2008
La Nuova Enciclopedia dell’arte Garzanti, Giunti, Firenze 1986
R. Bossaglia Storia dell'arte. Vol 2 Dal Rinascimento al Barocco al Rococò. Principato Editrice, Milano 2003.
P. Adorno, A. Mastrangelo Arte. Correnti e artisti vol.II
F. Negri Arnoldi Storia dell'arte vol III
E. Bernini, R. Rota Eikon guida alla storia dell'arte. Vol. 2 Dal Quattrocento al Seicento. Editori Laterza, Bari 2006
G. Dorfles, S. Buganza, J. Stoppa Storia dell'arte. Vol. 2 Dal Quattrocento al Settecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Begamo 2006
www.francescomorante.it

 

 

Approfondimenti:Madonna, Raffaello, pittura, bambino, putto, pittura rinascimento, .

Stile:Rinascimento.

Per saperne di più sulla città di: Firenze

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Raffaello Sanzio. Madonna del cardellino. 1506. Olio su tavola. Firenze, Uffizi


Raffaello Sanzio. Madonna del prato, o Del Belvedere. 1506. Olio su tavola. Vienna, Kunsthistoriches Museum



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK