Picasso


Picasso: vita e produzione artistica La formazione di Picasso Ragazzina a piedi nudi Autoritratto a 15 anni Prima Comunione Scienza e Caritą la fase sperimentale dal 1897 al 1899 Lola La fase espressionista Il periodo blu Il periodo rosa Il soggiorno a Gņsol Ritratto di Gertrude Stein Verso il cubismo Les demoiselles d'Avignon Autoritratto di Praga, 1907


torna indietro: Artisti

La fase espressionista

Storia dell'arte  >  Artisti

All'inizio del 1900, a Barcellona, Picasso si trasferice in uno studio che condivide con l'amico Carlos Casagemas. I, 1° febbraio inaugura una sua mostra di disegni e dipinti nella sala delle rappresentazioni del cabaret El Quatre Gats.
Nel febbraio del 1901 Picasso riceve la terribile notizia della morte del suo carissimo amico Casagemas, suicida per un dispiacere d'amore. Un evento che lo colpisce profondamente, segnando a lungo la sua vita e la sua arte.
Torna a Parigi per allestire una mostra presso il mercante Ambroise Vollard. Espone 64 quadri: corride, "fauna notturna", costume; ottiene un certo successo. Lo stile di Picasso, anzichč definirsi, č sempre pił eterogeneo, modificandosi da un'opera all'altra. Assimilata l'influenza di Toulouse-Lautrec, scopre Pierre Bonnard e usa le tecniche dell'Impressionismo e del Divisionismo in tele come: La nana, L'attesa o La bevitrice d'assenzio, o la Donna col cappello blu.
Picasso attraversa la brevissima e intensa fase espressionista, incentrata sui temi della vita notturna e di un'umanitą allo sbando.
I colori si accendono in forti contrasti, i tratti delle figure si deformano fino a immagini caricaturali. Si nota un forte impulso all'essenzializzazione  e l'uso di contorni neri e grossi dalle linee serpeggianti. Le superfici cromatiche attraversate da pennellate decise e violente intercalate a contrasto creano hanno un aspetto "elettrizzato" per il forte dinamismo. 
La pluralitą delle scelte formali del giovane artista nel giro di pochi mesi č sconcertante: si ha l'impressione che voglia conoscere, sperimentare, esplorare tutto. Ma terrą a precisare:«I diversi stili che ho utilizzato nella mia arte non devono essere considerati nč un'evoluzione nč tappe verso un ideale sconosciuto. Tutto ciņ che ho fatto l'ho fatto solo per il presente, e con la speranza che resterą sempre nel presente.» Il poeta Max Jacob, che conosce Picasso alla mostra di Vollard, riferisce che dipingeva due o tre quadri al giorno e trascorreva le serate dietro le quinte dei "music halls" a ritrarre le vedettes.

 

A. Cocchi


Bibliografia

Gertrude Stein, Picasso. Adelphi 1973
E. Bernini R. Rota, Eikon. Guida alla storia dell'arte. vol. 3 Laterza, Roma-Bari 1999
E. Bernini R. Rota A regola d'arte. vol 5 Il Novecento. Laterza, Roma-Bari 2001
G. Dorfles, A. Vettese Il Novecento. Protagonisti e movimenti. Atlas, Milano 2006
F. Galluzzi Pablo Picasso Giunti, Firenze 2002
G.G. Lemaire, Picasso Dossier Art n.19 Giunti, Firenze 1987
Classici Rizzoli, 22,
G. Cricco, F. P. Di Teodoro, Itinerario nell'arte vol 3 Zanichelli ed. seconda edizione,

 

 

Approfondimenti:Picasso, pittura, artisti del '900, sperimentazione, ricerca artistica.

Stile:Novecento.

Per saperne di più sulla città di: Barcellona

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK