I Della Robbia



torna indietro: Argomenti

I Della Robbia

Storia dell'arte  >  Argomenti

Tra le più famose famiglie di artisti i Della Robbia occupano una posto importante nel panorama della scultura e della ceramica del Rinascimento.
Operano tra i secoli XV e XVI con una delle botteghe più attive e fiorenti di Firenze, avviata da Luca, il capostipite e uomo di spicco del gruppo, inventore della raffinata tecnica della ceramica invetriata.
Luca Della Robbia nasce intorno al 1400, si forma presso Lorenzo Ghiberti e sviluppa uno stile classicheggiante e sintetico, squisitamente rinascimentale. Risentirà anche dell'influenza di Donatello, ma, lontano da una concezione drammatica, porta avanti una sua personale visione di eleganza e sereno equilibrio. Ha avuto una vita lunga ed è stato un artista molto produttivo, muore a Firenze nel 1482. A lui si debbono capolavori di scultura come la Cantoria del Duomo di Firenze, e le Formelle per il Campanile di Giotto, Il Monumento a Benozzo Federighi, in SantaTrinita a Firenze e i rilievi incompiuti con la Liberazione di San Pietro e il Martirio di San Pietro, ora nel Museo Nazionale di Firenze. Tra le opere in terracotta invetriata, la celebre Madonna del roseto, conservata al Bargello, il Tabernacolo della chiesa fiorentina di Santa Maria Nuova, la lunetta con l'Ascensione, ora al Duomo di Firenze, sono solo alcune tra i capolavori più noti.

Il nipote di Luca, Andrea della Robbia, nato nel 1435 a Firenze, entra in società con lui e continua l'attività della bottega, avviando una vastissima produzione. Pur vicino allo stile di Luca, suo principale maestro, risente anche dell'influenza di Andrea del Verrocchio. Il suo stile è caratterizzato dagli effetti pittorici e dal gioco degli accostamenti cromatici. Tra le opere più conosciute sono i Tondi con i Putti sul portico del brunelleschiano Ospedale degli Innocenti a Firenze, i Rilievi del Santuario della Verna, presso Arezzo, e la lunetta con l'Incontro dei santi Francesco e Domenico nel loggiato dell'Ospedale di San Paolo a Firenze. Muore a Firenze nel 1525.

I cinque figli di Andrea continuano l'attività di famiglia, e tra loro i più noti sono: Giovanni (Firenze 1469-1529) che lascia diverse opere nelle chiese fiorentine di Santa Croce, San Lorenzo e Santa Maria Novella; e Gerolamo di circa vent'anni più giovane (nato a Firenze 1488 ca.), che trasferitosi in Francia nel 1527, contribuì alla diffusione del gusto rinascimentale toscano fuori dai confini italiani e lavorò alla decorazione di Fontaineblaue. Gerolamo non tornò più in Italia, morì a Parigi nel 1566.
Gli altri figli di Andrea sono Marco (1468-1534), Luca il Giovane (1475-1550) e Pierfrancesco (1477-1528).

Le opere dei Della Robbia, note anche conme "robbiane" sono molto diffuse soprattutto nel territorio attorno ad Arezzo, nel Casentino, in Valdarno, nella Valtiberina e Valdichiana, spingendosi anche nella zona appenninica ai confini con la Romagna.

A. Cocchi


G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 2, Zanichelli Bologna 2004
G. Dorfles, S. Buganza, J. Stoppa Storia dell'arte. Vol II Dal Quattrocento al Settecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Bergamo 2008
E. Forssman. Dorico, ionico, corinzio nell'architettura del Rinascimento. Editori Laterza, Bari 1988
L. H. Heydenreich Il Primo Rinascimento. Arte italiana 1400-1460. Rizzoli Editore, Milano 1979
La Nuova Enciclopedia dell’arte Garzanti, Giunti, Firenze 1986
P. Adorno, A. Mastrangelo Arte. Correnti e artisti vol.II
F. Negri Arnoldi Storia dell'arte vol III
E. Bernini, R. Rota Eikon guida alla storia dell'arte. Vol. 2 Dal Quattrocento al Seicento. Editori Laterza, Bari 2006

 

Approfondimenti:Della Robbia, Luca della Robbia, scultura, ceramica, .

Stile:Rinascimento.

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Andrea della Robbia. La Vergine con il Bambino e santi. sec. XV Terracotta invetriata. Camaldoli, Sacro Eremo



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK