Arte Minoica


Origini e formazione Periodizzazione Caratteri dell'arte minoica Minoico Antico Produzione artistica del minoico antico Ritrovamenti archeologici del Minoico antico Architettura del Minoico Antico Ceramica del Minoico Antico Oreficeria e metalli del Minoico Antico Pittura del Minoico Antico Scultura del Minoico Antico Minoico Medio Necropoli del Minoico Medio Pittura del Minoico medio Urbanistica e architettura del Minoico medio Ceramica del Minoico Medio Lo stile di Kamares Minoico Recente Architettura e urbanistica del Minoico Recente Palazzi del Minoico Recente Teatro minoico Tombe del Minoico Recente Brocchetta di Gurnià Ceramica del Minoico Recente Oreficeria del Minoico Recente Pittura del Minoico Recente Scultura del Minoico Recente Vaso dei mietitori Periodo Minoico Postpalaziale


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Origini e formazione

Storia dell'arte  >  Stili


La prima fase documentata della storia di Creta è l'Epoca Neolitica, compresa tra il VII e l'inizio del IV millennio a. C.
Nell'isola di Creta, le tracce  più antiche di insediamenti umani risalgono alla metà del VII millennio a. C. In questo momento sono presenti a Creta gruppi di agricoltori e pastori. Secondo la maggior parte degli studiosi, dovrebbe trattarsi di popolazioni autoctone, altri  ritengono invece  che queste genti provenissero dalle coste sud-occidentali dell'Anatolia. Si tratta comunque di una popolazione molto attiva, che praticava caccia, pesca e agricoltura in coltivazioni estese.

Come luogo di insediamento venne scelta l'area di Cnosso per il primo villaggio, perchè si trova nella valle del Keratos, ideale per un abitato, sia perchè vicina alla costa, sia perchè è un'area molto fertile e ricca di acqua. Ma a questa si aggiunsero Festo, Mallia, Messara e poi sul lato orientale:  Vassiliki, Phournou Korifi, Sitia e Paleokastro.  Già durante il Neolitico questi antichi insediamenti ebbero uno sviluppo molto rapido.
Gli antichi cretesi abbandonarono presto i primitivi ripari nelle grotte per dedicarsi alle prime semplici forme di architettura, composte di mattoni crudi e argilla. Alcuni esempi di queste antiche abitazioni sono stati ritrovati da scavi archeologici condotti nella zona centrale dell'isola, vicino ai centri di Cnosso e Festo, e sulla costa occidentale, vicino a Rethimno.

Alla fine del IV millennio a. C. sull'isola di Creta giungono altre popolazioni provenienti dall'Anatolia. Prosegue e si sviluppa l'economia basata sulla caccia, pesca, allevamento e forme di agricoltura già organizzata, che con il Periodo Prepalaziale si definirà in coltivazioni di grande estensione. I villaggi si erano ormai traformati in abitati che contavano oltre un migliaio di persone, organizzati con nuovi criteri, secondo una chiara e funzionale distribuzione degli spazi, delle abitazioni, delle aree collettive e dei magazzini che venivano riempiti con le derrate alimenteri.

Tra il IV e il III millennio, sembra che siano giunte a Creta anche altre popolazioni di provenienza diversa, mescolandosi con i locali e con l'inizio dell'età del Bronzo prese l'avvio la  fase di formazione della civiltà Minoica.
L'inizio dell'età del Bronzo, tra il 3200 e il 2800, corrisponde ad un importante momento di evoluzione della civiltà cretese. Gli aspetti più importanti sono:

- la formazione di una struttura politica più complessa in cui si affermano nuovi gruppi di potere.

- l'emergere per importanza di nuovi centri che assumono una funzione di guida territoriale.

-l'avvio dell'industria dei metalli. Dal momento in cui venne introdotto l'uso del rame e del bronzo, si avviò sull'isola la lavorazione dei metalli per realizzare armi e oggetti d'uso sempre più qualificati.

Verso il 2800 a. C. giunsero a Creta gruppi di popolazioni provenienti dall'Anatolia per stanziarsi in località particolarmente fertili che divennero i primi importanti centri del periodo Prepalaziale o Minoico antico: Messara, Cnosso, Festo, Mallia ma anche più verso oriente, a Vassiliki, Phournou Korifi, Sitia e Paleokastro.
Trapiantando culti religiosi, usi tecniche e innovazioni propri della cultura anatolica, i Minoici seppero sviluppare una nuova civiltà che iniziò a definirsi nel Minoico Antico.

A. Cocchi


Bibliografia.

AA.VV. La Storia dell'Arte. Le prime civiltà. Electa editore. Milano, 2006
AA.VV. Egitto. Archeologia e storia. Vol. I Folio editrice
G. Cricco, F.P. Di Teodoro Itinerari nell'arte. Vol. I. Zanichelli editore, Bologna 2003
E. Bernini, R. Rota Eikon. Guida alla storia dell'arte. Vol.I. Editori Laterza, Bari, 2005
F. Negri Arnoldi Storia dell'arte vol I. Gruppo editoriale Fabbri, Milano 1985
P. Adorno, A. Mastrangelo Arte. Correnti e artisti. Vol. I. Casa editrice G. D'Anna, Firenze 1994
N. Frapiccini, N. Giustozzi. La geografia dell'arte. Vol.1 Hoepli editore, Milano 2004
J. Lange. Creta in: AA.VV. Grecia e Creta. Viaggio nella terra degli dei. Archeo collection. De Agostini, Novara 2007
AA.VV. Creta e il dominio minoico. Una vita piena di colore. in: La Storia dell'Arte. Vol 1 Le prime civiltà. Mondadori Electa, Milano 2006

 

Approfondimenti:Alessandra Cocchi, stile, civiltà, Creta, archeologia, .

Stile:Arte Minoica.

Per saperne di più sulla città di: Creta

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Figurina votiva proveniente dal santuario rupestre di Petsofàs. Terracotta. Museo Archeologico di Heraklion


I Danzatori di Pentozalis della tomba di Kamilari. Terracotta. Museo Archeologico di Heraklion. Creta


Insediamento-Fournou Korifi-anticoMinoico-II



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK