Costumi storici di Vita Rita Serafini


Catalogo dei Costumi Come nasce un costume. Le fasi operative Coppia di costumi 1625 Coppia di costumi '700 veneziano Costumi del '700 Costumi e ricostruzioni storiche in miniatura Costumi tradizionali e per le feste Divisa di Cadetto 1860 Eventi in costume Figurini della Scala di Milano I Costumi dell'Antico Egitto Intimo femminile metà '700 Costume Cleopatra Costume di dama 1772 Costume di dama 1788 Costume di dama 1842 Costume di dama del primo '500 italiano Costume di Imperatore romano Costume di Matrona romana Costume femminile andaluso Costume Madame Butterfly Costume Madame Pompadour Costume maschile 1772 Costume maschile del primo '500 italiano Costume maschile indiano Costume maschile Reggenza Costume Tutankhamon Dama in azzurro 1860 Sari indiano Sposi 1927


torna indietro: Arti applicate

Costume di dama 1788

Colpo d'occhio  >  Arti applicate

Negli ultimi anni del regno di Luigi XVI la moda si esprime con grande fantasia e varietà di forme, spesso ispirate alla natura ed alle tradizioni popolari. 
Questo costume di dama, realizzato in tessuto devorè verde smeraldo con motivi floreali, è riferito all'anno 1788, l'ultimo del regno di Luigi XVI e quello che precede la Rivoluzione francese.

 

Vita Rita Serafini. Costume di dama 1788. Visione frontale.

 

L'aspetto complessivo è di una garbata eleganza con un tocco "sbarazzino" che rispecchia la linea promossa da Maria Antonietta e rappresenta un esempio di abito estivo, leggero e vaporoso. Si compone di corpetto aderente a punta davanti, con ampia e profonda scollatura, maniche a sbuffi strette sopra al gomito ma che che si allargano a imbuto a metà avambraccio. Le maniche, la scollatura e i bordi dell'abito sono guarniti con una delicata rifinitura arricciata in tulle inamidato, seta e passamaneria in macramè color avorio.

 


Vita Rita Serafini. Costume di dama 1788. Visione posteriore.

 

L'ampia gonna è ampia e ricca, priva di strascico, sostenuta da panier a cerchi (un accessorio che scomparità con la Rivoluzione francese),
drappeggiata e raccolta in due punti sul davanti con fiocchi. La sottogonna visibile sotto è dello stesso tessuto della gonna superiore.

 

Part. della scollatura rifinita in tulle e passamaneria macramè.



Caratteristici della moda femminile dello stile Luigi XVI sono i cappelli e le collarette.
In questo caso il cappello della dama realizzato con lo stesso tessuto dell'abito è composto da bassa testina e ampia falda
arricciata, guarnita di tulle con piccoli pois, fiocchi e nastri. Viene portato un po' inclinato sulle chiome sciolte un po' scomposte a lunghi
boccoli ricadenti sulle spalle, secondo la moda della chemise lanciata dalla regina Maria Antonietta.

 


Cappellino del costume.

 


La collaretta "alla Medici", rappresenta una sorta di revival, poichè riprende quella in voga durante il XVII secolo in Italia. In questo
costume la collaretta è composta di più strati sovrapposti di tessuti leggeri e increspati: il devorè verde che rimane appena visibile sotto a cui si sovrappongono le arricciature in seta e tulle a pois inamidato aperte a due corolle. Al centro il ricamo con una fila di perle impreziosisce questo accessorio facendolo diventare un gioiello.

 


Collaretta "Alla Medici".

 

 


Un altro accessorio che rappresentava una delle novità dell'epoca è la graziosa borsetta, di forma rettangolare con bordo tondeggiante,
realizzata con lo stesso tessuto devorè dell'abito ma con motivo a plissè. Le rifiniture riprendono quelle dello scollo dell'abito.

 


Borsetta abbinata al costume.

 

Vita Rita Serafini.
A cura di A. Cocchi

 

Approfondimenti:costume, moda, Vita Rita Serafini, abito, storia, donna, Alessandra Cocchi, .

Stile:Settecento.

Per saperne di più sulla città di: Messina

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Vita Rita Serafini. Costume di dama. dett. 1788. Collezione privata.




Vita Rita Serafini. Costume di dama. Veduta di profilo. dett. 1788. Collezione privata.



swimme

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK