Costumi storici di Vita Rita Serafini


Catalogo dei Costumi Come nasce un costume. Le fasi operative Coppia di costumi 1625 Coppia di costumi '700 veneziano Costumi del '700 Costumi e ricostruzioni storiche in miniatura Costumi tradizionali e per le feste Divisa di Cadetto 1860 Eventi in costume Figurini della Scala di Milano I Costumi dell'Antico Egitto Intimo femminile metà '700 Costume Cleopatra Costume di dama 1772 Costume di dama 1788 Costume di dama 1842 Costume di dama del primo '500 italiano Costume di Imperatore romano Costume di Matrona romana Costume femminile andaluso Costume Madame Butterfly Costume Madame Pompadour Costume maschile 1772 Costume maschile del primo '500 italiano Costume maschile indiano Costume maschile Reggenza Costume Tutankhamon Dama in azzurro 1860 Sari indiano Sposi 1927


torna indietro: Arti applicate

Eventi in costume

Colpo d'occhio  >  Arti applicate

I Costumi di Vita Rita Serafini hanno partecipato a diversi eventi come mostre, feste e rievocazioni storiche. In questa pagina riportiamo alcuni degli eventi da ricordare.

 

Rievocazione storica del Gattopardo

Mostra Artigianato Comune di Messina

 

Rievocazione storica del Gattopardo

 

Per la rievocazione storica  del Gattopardo, Vita Rita Serafini ha creato alcuni costumi che si inseriscono in un'operazione culturale e di promozione turistica promossa dal Comune di Ficarra nell'estate del 2014.

 


Il valzer del "Gattopardo" con alcuni costumi di Vita Rita Serafini.


Lo spunto per l'ideazione dell'evento è rappresentato dalle ricerche condotte da Maria A. Ferrarolo e raccolte in un testo: Tomasi di Lampedusa
e i luoghi del Gattopardo pubblicato nello stesso anno da Pacini Editore. In base a tali studi è emerso che l'autore del celebre romanzo sembra aver attinto numerosi spunti da un suo soggiorno estivo a Ficarra, avvenuto nel 1943.

 

 Un'immagine della cittadina di Ficarra

 

Gli ambienti e soprattutto alcuni tratti caratteristici della gente del posto si intracciano infatti nei luoghi e nei personaggi del romanzo.
Di qui la decisione di riqualificare la cittadina siciliana di Ficarra come la cornice ambientale del Gattopardo, e dare avvio ad una ricostruzione storica del romanzo con un evento-spettacolo.

 


La locandina dell'evento promosso dal comune di Ficarra

 

A questo punto è sorta l'esigenza di coinvolgere anche Serafini come costumista, per la creazione di alcuni abiti che sono stati indossati dai figuranti.
Termine di confronto quasi obbligatorio è stato anche il celebre film di Luchino Visconti del 1962. Anche la famosa scena del valzer è stata quindi ricostruita e per l'occasione.

 


Federica Pitaudi e Massimiliano Rosolino hanno partecipato all'evento.



Nell'interpretazione che la costumista messinese ha offerto sulla moda del Secondo Impero spiccano soprattutto gli abiti da ballo delle dame, caratterizzati dalle ampie gonne sostenute dalle crinoline, in contrasto con la vita stretta e impreziositi con volants, nastri e ricami.
La raffinatezza dei particolari e dei tessuti come mussoline, sete, damaschi e tulli ricamati, ricordano gli abiti prodotti da Worth nel suo atelier parigino di metà Ottocento.
Elegantissimi sono anche gli abiti maschili, in redingote nere e camicie bianche, in perfetto contrasto con i colori delle dame. 

 

A. Cocchi

 

 

Mostra Arte, Artigianato, Hobby presso il Comune di Messina

 


Due dei costumi storici di Vita Rita Serafini all'ingresso della Mostra messinese.

 

Un'altra importante manifestazione a cui hanno partecipato i costumi di Vita Rita Serafini è la Mostra di Arte-Artigianato Hobby, che si è svolta nell'atrio del Comune di Messina dal 18 al 20 marzo 2016.
La mostra che ha richiamato grande partecipazione di pubblico e numerosi apprezzamenti è stata organizzata dal movimento femminile A.C.A.I che si pregia di avere a proprio fianco il Circolo Maestri Sarti di Messina, facente parte della storica Confraternita di S. Omobono fondata nel 1722 ad opera di onesti cittadini sarti. Madrina dell’evento la Dott.ssa Francesca Pavone “Presidente Onorario del Circolo Maestri Sarti di Messina”.

 


Un'immagine dell'allestimento della mostra.

 


L’associazione si ispira al messaggio evangelico e alla dottrina sociale della chiesa, promuove il primato della persona umana, sia il fulcro di ogni attività economica, sociale e politica. Il movimento Femminile da ben 25 anni fa partecipare i propri associati a mostre e fiere sul territorio di Messina e Provincia.

 

 


Due immagini sull'affluenza dei visitatori


I numerosi artigiani che hanno partecipato a questo evento si sono prodigati, con molta creatività in lavori esclusivi di varia natura. Li elenchiamo:

Caterina Megna (Cucito creativo, ricamo, maglia, corredino)
Orietta Arena (Gessi profumati, bomboniere saponi e tessile)
Rosa Rigano (bigiotteria in vetro fusione –legno e dipinti in varie sfumature)
Nuni collection (lavori con seta e viscosa, lana pail)
Massaro Antonella (Creazioni varie: gomma Grepla Gessi in ceramica)
La rosa Francesca (corredino bimbi interamente realizzato a mano, ricamato con varie tecniche)
Mimma Irrera (decorazione tegole, lavori in feltro pannolenci e gomma crepla, punto croce)
Duca Caterina (oggetti realizzati con materiali diversi Bigiotteria ad uncinetto pietre dure)
Santalucia Mariateresa dalla lavorazione della creta alla decorazione finale Molino Carmela (pirografo per incidere il legno, realizzando dei disegni di ogni genere
Giuli D’Urso (Il macramè, una tecnica antichissima, con la quale crea bijoux e accessori, intrecci, annodando una serie di fili e dando libero
sfogo alla fantasia.
De Angelis Letizia (artista, dalle mille sfaccettature infatti la sua creatività passa dal cucito a molti altri materiali e nuove tecniche mischiare e fondere tra loro tutto questo con passione
Maria Lagana’ (Bigiotteria con pietre dure che assembla con tanto gusto e personalità)
Antonella Santapaola (gioielli realizzati col chiacchierino che si lavora con una navetta)
Crasti’ Anna (realizza dei gioielli con il materiale di riciclo)
Sicilia di Viria Scudo (Conserve e Biscotti particolari marmellate da degustare con i formaggi carne o pesce, i vasetti sono elegantemente
decorati)
Raffa Giovanna (Lavorazione uncinetto Maglia, metallo e oggettistica varia Pelliccia)
Extravergine di Trigili Elisa (Saponi e Cosmetici Naturali all’olio d’oliva)
Mia by Le Creazioni di Katia (Soluzioni Personalizzate per eventi e Idee Regalo, cucito creativo, oggettistica bigiotteria)
Ditta Visalli Infissi.
Biagia Capello (Realizza con grande maestria dei compose’ che danno un tocco di classe a chi li indossa perché sa abbinare bene le tonalità dei colori nel realizzare collane, bracciali, e anelli con pietre dure)
I Gufi Di Mariele (Gufi fermaporta, ci siamo riuscite con la nostra creatività e fantasia a creare il primo uno diverso dall’altro, con lo
squadi furbetto quasi a ringraziarci di averli creati)
Associazione Inchiostro, Seta e Cannella (Dipinti su stoffa, Tessuti confezionati, Riciclo creativo, dolci e liquori)
Carmen Crisafulli (Artista famosa, per i suoi murales, realizzati in molte citta Italiane , per i suoi volti così naturali che sembrano veri,
l’artista espone sempre nelle mie mostre con quadri con varie tecniche)
Ida Crisafulli (realizza Icone di diversa misura)
Caterina Turchi (La nostra Artista ha sempre lavorato il vetro, realizzando dei capolavori nella nostra citta e provincia, come le porte delle chiese e le navate e molto altro adesso con questa crisi, sta realizzando dell’oggettistica Shabby)
Castanotto Patrizia (realizza dei Foulard Collana, veramente particolari realizzati con molto gusto e sobrietà)
Noemi Pappalardo (Realizza con la tecnica Amigurumi realizza pupazzi portachiavi copertine, borsette, giochini per neonati, cappellini cappucci, zainetti e tanto altro)
Svincolo Creativo (Accessori Moda realizzati con diversi materiali, veramente particolari e unici, di una raffinatezza che si fa notare subito)

 


Il pubblico presso i costumi di Vita Rita Serafini.

 

A rendere particolare questo evento sono stati gli abiti creati da Vita Rita Serafini che hanno fatto da cornice alla “Mata” simbolo della 

Città di Messina.

 

  

 

 

Per ulteriori informazioni su questi costumi si può contattare la costumista al seguente indirizzo e-mail:

ritacostumi@virgilio.it

 

 Torna al catalogo dei costumi

 

 

 

Approfondimenti:Vita Rita Serafini, Gattopardo, Tomasi di Lampedusa, costumi storici, abito, moda, mostra, .

Stile:Ottocento.

Per saperne di più sulla città di: Ficarra

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 





Vita Rita Serafini. Dama in abito viola. Costume in stile Secondo impero. Collezione privata.




Vita Rita Serafini. Dama in abito bianco. Costume in stile Secondo impero. Collezione privata.


















swimme

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK