Artemisia Gentileschi


Formazione Periodo giovanile Firenze 1612-1620 Genova,Venezia e Roma: 1620-30 Napoli, 1630-38 Inghilterra:1638-41 Napoli, 1642-52


torna indietro: Artisti

Formazione

Storia dell'arte  >  Artisti

Artemisia Gentileschi nacque a Roma l'otto luglio del 1593.
E' la primogenita del pittore Orazio Gentileschi e di Prudentia Montone. Fin dall'infanzia fu istruita per diventare un'artista dimostrando subito una certa abilità verso la pittura, a cui incominciò a dedicarsi attorno al 1605.
Vivendo a Roma, fin dall'infanzia poté guardare da vicino molte opere che si stavano sviluppando in quel momento: dalla Galleria Farnese affrescata da Annibale Carracci, alla Chiesa di S.Luigi dei Francesi dove stava lavorando Caravaggio, alla chiesa di S.Maria del Popolo, dove si stavano elaborando gli affreschi di Guido Reni e del Domenichino.
Ma a quei tempi per una ragazza il sogno di una carriera artistica era fortemente ostacolata. Tuttavia Artemisia Gentileschi non si arrese. Seguendo e lavorando insieme al padre ebbe modo di conoscere diversi pittori, tra cui Caravaggio e il nipote di Michelangelo. Due punti di riferimento per determinare il carattere della sua pittura, insieme all'idealismo toscano, al realismo romano e al naturalismo chiaroscurale dello stesso Caravaggio.
La sua prima tela, Susanna e i Vecchioni del 1610, è dipinta con uno stile molto naturale. Le gesta dei personaggi sono forti, le espressioni sono realistiche. Un dipinto che mostra la conoscenza dell'anatomia umana, dei colori, del pennello, e della struttura compositiva del quadro.


A. Cocchi


Bibliografia e sitografia

A. Lapierre Artemisia Mondadori 1999
AA.VV. Caravaggisti Dossier Art n. 109, Giunti,  Firenze 1996
B. R. Benjamin, P. De Montebello, C. Strinati. Premessa in: Orazio e Artemisia Gentileschi, Skira editore, Milano, 2001
La Nuova Enciclopedia dell'arte, Garzanti, 1986

www.cronologia.it

 

Approfondimenti:Artemisia Gentileschi, formazione, donna, .

Stile:Seicento.

Per saperne di più sulla città di: Roma

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Susanna e i Vecchioni, 1610, collezione Schönborn, Pommersfelden



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK