Agostina Segatori e gli impressionisti



torna indietro: Modelli e pittori

Agostina Segatori e gli impressionisti

Argomenti  >  Modelli e pittori

Agostina Segatori nasce nel 1843 in Ciociaria, forse ad Anticoli Corrado.
Durante un viaggio in Italia negli anni ’60/70 dell’ottocento Jean Baptiste Corot la sceglie come modella, portandola a Parigi. Qui conoscerà altri pittori importanti di cui sarà modella: Jean-Léon Gérome, Edouard Manet e Edgar Degas.
Nel 1872 incontra il pittore Edouard Dantan. La relazione dura fino al 1884. (Poi Dantan si sposerà con un’altra e morirà in un incidente nel 1897, per il ribaltamento della carrozza a cavallo).
Il 6 ottobre 1873 le nasce un figlio non riconosciuto da Dantan, Jean-Pierre, che prenderà il cognome Ségatori-Morière, dal patrigno (nel frattempo la madre si era sposata). Entrato al liceo di Vanves il 6 ottobre 1879, ne uscirà il 15 dicembre 1885, stabilendosi a Parigi in rue Mansart n.1 e aprendo un’attività di corniciaio e doratore in legno.
La Segatori ebbe anche una relazione sentimentale con il pittore svedese August Hagborg che le fece un ritratto, e uno glielo fece anche Manet, che fu venduto dal mercante Portier a Alexandre Cassat, fratello della pittrice Mary Cassat, e che ora si trova in una collezione privata di New York. (oltre ai famosi ritratti di Corot). Finita la carriera di modella il 10 aprile 1885 aprirà prima un cabaret nella rue Richelieu, che hiuderà presto i battenti, trasferendosi lo stesso anno in boulevard de Clichy n.62.
Questo locale, arredato con l’aiuto di Gauguin, Norbert Goeneutte, Ludovic Némo (pseudonimo di Emile Bernard), H. Tode, etc., con tavoli e sedie a mò di tamburelli, che richiamano l’insegna, in cui la padrona e le affascinanti sue giovani cameriere servono ai tavoli in costumi folcloristici della Ciociaria, diventerà presto un punto di riferimento per la giovane cultura pittorica dell’epoca a Montmartre.
La Segatori lo userà anche per esposizioni temporanee e per aste di dipinti di pittori suoi amici.
Organizzerà qui una mostra con opere di Edouard Dantan, Jean-Léon Gérôme, Bernard, de Pille e altri e lascerà nella primavera del 1887 carta bianca anche a Van Gogh, divenuto forse suo amante per pochi mesi, che organizzerà una mostra di crépons giapponesi, con opere dei suoi amici del Petit Boulevard (Bernard, Anquetin e altri).
Il locale, trasformato nel 1893 in Cabaret de la Butte, diventò poi il famoso Cabaret des Quat’Z’Arts, alla fine del secolo.
Agostina Segatori  morì nel 1910, portandosi nella tomba i segreti di una stagione irripetibile per la storia dell’arte moderna.
Di lei restano oltre agli stupendi ritratti già citati di Corot, Manet, Gérome, Degas, Hagborg, H.Tode e soprattutto Van Gogh, alcune opere di Dantan, che ritraggono lei e il figlio: nel 1873 un medaglione in cera di lei, Jupiter e Léda, L’Annonciation, molti ritratti del figlio, poi nel 1878: Femme turque assise faite rue Capron à Montmartre, Jean-Pierre en incroyable, Jean-Pierre en costume Breton, etc.
Nel 1884, nonostante la loro separazione, per decorare il locale della rue de Richelieu le dona Le portrait d’une Villervillaise, La mère Catin la Dufay, e un bouc  dipinto su un tambourin.

A. De Robertis


(Notizie ricavate dal blog di Bernard Vassor Autour  du Père Tanguy).


 

Approfondimenti:Agostina Segatori, Corot, Manet, Degas, Van Gogh, Gauguin, Impressionismo.

Stile:Ottocento, Impressionismo.

Per saperne di più sulla città di: Parigi

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Camille Corot. Ritratto di Agostina Segatori. 1870. Olio su tela


Edouard Manet. Ritratto di Agostina Segatori. 1860.


Jean-Léon Gérôme. Volto di donna italiana (1860?)


Un affiche di Jules Chéret


Una locandina pubblicitaria del Tambourin


Jean Baptiste Camille Corot. Agostina. 1866. Olio su tela.


Edgar Degas. Four studies of an Italian woman. 1857?



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK