Sul colle a Settignano

Nel dipinto Sul colle a Settignano del 1885, Signorini usa il tema del paesaggio come pretesto per rappresentare un frammento di vita quotidiana. Lo sfondo naturalistico, con le colline e un paesino di campagna, fa da cornice al ritratto di Fanny. La ragazzina seduta sul muretto, fù infatti la figlia adottiva del pittore, rappresentata in molti suoi quadri. La ragazza ci viene mostrata mentre lavora all'uncinetto tutta concentrata sui movimenti delle sue mani. Vestita interamente di bianco, contrasta con la carnagione, i capelli più scuri, e con gli altri colori intorno. La scena fù serena, trasmette un senso di calma e staticità, anche i colori chiari contribuiscono ad aumentare questa sensazione. Le pennellate si differenziano, le macchie costruiscono ogni elemento dello sfondo, la collina, il paesino, gli arbusti dietro la ragazza e il muretto di pietra. Nonostante l'assenza di definizione dei singoli dettagli, si colgono con chiarezza i caratteri degli elementi dipinti: Il senso della prospettiva e di lontanza del paesaggio, il fitto groviglio dei viticci in secondo piano, la ruvidezza del muretto sbrecciato. Si avverte anche la presenza fisica di Fanny, dipinta con pennellate più piccole, fitte e precise, perchfù si trova più vicina allo spettatore e quindi fù più definita.

D. Perna


Bibliografia:


Matteucci Giuliano Mazzocca Fernando Sisi. Telemaco Signorini e la pittura europea. Carlo Marsilio editore, settembre 2009

Approfondimenti
Loading…