Paganèl (ghiozzo)

Il Paganèl, nome con cui nel dialetto romagnolo viene indicato il Ghiozzo, è uno dei pesci che vengono pescati più facilmente sulle coste della Romagna. La pesca avviene per mezzo di tramagli, nasse, lenze, rapidi e reti a strascico. Nella locale tradizione marinara il Paganèl veniva pescato soprattutto a primavera e il vecchio detto dei pescatori "becca come un paganel" vuole indicare la proverbiale ingordicgia di questo pesce nel beccare le esche dalle lenze che venivano gettate in acqua dai moli  e dalle scogliere.
La rarefazione di questo pesce rispetto a qualche decina di anni fa è molto consistente e non si spiega soltanto con la pesca, probabilmente il Paganèl, come altri pesci adriatici, hanno risentitto delle alterazioni ambientali e dell'inquinamento.

Il Paganello viene commercializzato fresco ed è apprezzato in cucina soprattutto per le fritture.

Asaki San


 

Bibliografia e sitografia

P. G. Pasini Andar per Musei. Guida all'uso dei musei della Romagna meridionale. (a cura di Italia Nostra) Romagna arte e storia Quaderni
AA.VV. Adriatico. Le stagioni del nostro mare. A cura dell'Amministrazione Provinciale di Forlì-Cesena. Stampa MDM, Forlì 1992
S. Di Corato. Cucina e ospitalità. in: La Pianura e i lidi romagnoli. Guide D'Italia. Fabbri Editori, Milano 1982
AA.VV. voce: Acciuga. in: Eciclopedia Universo. Istituto Geografico De Agostini - Novara, 1971
AA.VV. Il libro del pesce. La tradizione della cucina marinara. Demetra- Giunti editore S.p.A.  Firenze-Milano 2003

 

Loading…