Bovi al carro

Nel dipinto di Fattori, in una perfetta armonia tra uomo e paesaggio, i ritmi della vita e del lavoro rispecchiano l'eterno succedersi delle stagioni.

 

Giovanni Fattori. Bovi al carro. 1867 ca. Olio su tela.  Firenze Galleria d'Arte Moderna
Giovanni Fattori. Bovi al carro. 1867 ca. Olio su tela. cm. 46X108. Firenze Galleria d'Arte Moderna

Indice dei contenuti
Mappe concettuali (.pdf) / Riassunti / Materiale didattico

Il tempo sospeso della Maremma

 

Il dipinto Bovi al carro, realizzato intorno al 1867, risale agli anni di Castiglioncello, dove Fattori soggiornava dall'amico Diego Martelli.
Il tema del quadro: il paesaggio della Maremma e la vita nei campi è quello su cui si concentra gran parte della produzione artistica del maestro toscano.
Il formato e la composizione sono scelti per ottenere l'impressione di vastità suggerita dalla pianura maremmana. La tela rettangolare, sviluppata maggiormente in larghezza, enfatizza la dilatazione dello spazio e la profondità prospettica, effetto rimarcato anche dalla strada che attraversa diagonalmente il dipinto.
Il paesaggio e le figure, l'uno occupante la parte sinistra, le altre la parte destra della tela, si controbilanciano creando un perfetto equilibrio compositivo  e cromatico. L'orizzonte, che occupa la metà superiore della tela, è realizzato con campiture di colore sovrapposte in fasce. L'alternanza di chiari e di scuri forma la struttura del quadro. I colori esaltati dalla luce piena dell'estate suggeriscono una realtà che sembra molto concreta, presente fino a far percepire i suoni, il calore del sole e gli odori della campagna.

Queste scelte espressive sono suggerite dal vissuto personale dell'artista, non dobbiamo infatti dimenticare che proprio durante il suo soggiorno in Maremma Fattori cominciò a sviluppare la sua concezione sul rapporto uomo-natura. Il carro trainato da due buoi bianchi e il contadino sono un tutt'uno con la natura maremmana, sono parte della natura. Il quadro offre una una visione lirica, fra l'osservatore e l'immagine dipinta si genera una sorta di distanza contemplativa.
Una particolare interpretazione viene data alla dimensione del tempo. Anche se Fattori ha ripreso un momento qualsiasi della giornata del contadino, come una sorta di fotogramma, il tempo di questo quadro sembra dilatarsi come l'orizzonte, la scena è come sospesa in un momento che sembra non finire mai. Questa vita e questi gesti appartengono da sempre ad una civiltà, quella contadina, portandosi dietro i suoi valori e il suo profondo rispetto per la Natura. 

 

A. Magnani, A. Cocchi

 

 

Mappa concettuale [.pdf]
I Macchiaioli. Mappa concettuale

I Macchiaioli.  

Mappa concettuale con caratteri generali, esponenti principali, esempi di opere e caratteristiche dello stile.  Autore: A. Cocchi
Questa mappa può essere scaricata come documento PDF

I Macchiaioli rappresentano il più importante fenomeno artistico italiano di metà '800. Nonostante i contatti con il Realismo francese e l'Impressionismo, questi artisti rimangono autonomi anche all'interno del gruppo, con stili e personalità molto diverse. La mappa sintetica di Geometrie fluide mostra gli aspetti essenziali della pittura dei Macchiaioli con esempi di dipinti famosi in sintetiche e chiare spiegazioni.

€ 6,00
Acquista

Per riceverlo subito nella tua posta elettronica, inserisci il tuo indirizzo e-mail nella casella qui sotto e poi clicca il pulsante "acquista".
Acquista

 

 

 

 

Bibliografia

 


Itinerario nell'arte versione gialla, G. Cricco e F.P.Di Teodoro, Zanichelli
Giovanni Fattori, di Mario de Micheli, Bramente editrice, Busto Arsizio 1961
B. della Chiesa, L. Binciardi. L'opera completa di Fattori, Classici dell'arte Rizzoli, Rizzoli editore, Milano 1970

   

   
Approfondimenti
Loading…