Pala di San Zeno.Gli scomparti laterali



torna indietro: Pala di San Zeno

Pala di San Zeno.Gli scomparti laterali

Andrea Mantegna  >  Pala di San Zeno

Nella Pala di San Zeno, Andrea Mantegna inserisce otto santi patroni di Verona, quasi tutti rappresentati intenti alla lettura o con un libro in mano, secondo un chiaro riferimento all'importanza della vita intellettuale nella regola benedettina.

Scomparto sinistro

I santi presenti nello scomparto di sinistra sono, da sinistra a destra: Pietro, Paolo, Giovanni Evangelista e il patrono Zeno, a cui è dedicata l'opera. Quest'ultimo si trova in una posizione importante, a destra della Madonna e porta gli abiti vescovili. Mantegna ce lo fa riconoscere anche se non sceglie di rappresentarlo con il pesce, suo attributo tradizionale.
Non è ancora stato identificato dagli studiosi il tema a cui si riferiscono i tre medaglioni che figurano alla sommità dei pilastri.

Scomparto destro

Nello scomparto di destra, partendo sempre da sinistra, il primo che figura di fianco alla Madonna è San Benedetto, molto simile a quello che Mantegna aveva già dipinto nel nel Polittico di San Luca. Seguono i santi Lorenzo, Gregorio e Giovanni Battista, e per queste figure l'artista sembra attenersi abbastanza agli attributi tradizionali con i quali vengono qualificati.

Anche in questo pannello i medaglioni rimangono di difficile interpretazione: due figure non identificabili con sicurezza si scorgono nel medaglione sul pilastro in fondo; altre due in quella sopra san Lorenzo. Nell'ultimo si riconosce invece la scena di un Tritone con ninfa, si tratta di un tema riferito alle immagini classiche delle divinità marine e che verrà ripreso da Mantegna nelle decorazioni dipinte nel castello dei Gonzaga, presso Mantova.

A. Cocchi


 

Bibliografia

Lionello Puppi Cianfrusaglie reperti e un talent scout in: Il Romanzo della pittura. Masaccio e Piero. Supplemento al n° 29 de "la Repubblica" del 2.11.1988
Claudia Cleri Via Mantegna. Art eDossier n.55. Giunti, Firenze. 1991
La Nuova Enciclopedia dell'Arte Garzanti.
AA.VV. Moduli di Arte. Dal Rinascimento maturo al rococò. Electa-Bruno Mondadori, Roma 2000
A. Blunt Le teorie artistiche in Italia dal Rinascimento al Manierismo. Piccola Biblioteca Einaudi, Giulio Einaudi Editore, Torino 1966
G. Cricco, F. Di Teodoro, Itinerario nell’arte, vol. 2, Zanichelli Bologna 2004
G. Dorfles, S. Buganza, J. Stoppa Storia dell'arte. Vol II Dal Quattrocento al Settecento. Istituto Italiano Edizioni Atlas, Bergamo 2008

 

Approfondimenti:Alessandra Cocchi, Mantegna, pala, pittura, .

Stile:Quattrocento.

Per saperne di più sulla città di: Verona

 



Per informazioni su questi dipinti clicca qui.

 


Andrea Mantegna. Pala di San Zeno. 1457-60. Scomparto sinistro. Tempera su tavola. Verona. San Zeno.


Andrea Mantegna. Pala di San Zeno. 1457-60. Scomparto destro. Tempera su tavola. Verona. San Zeno.



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK