Morisot Berthe


La culla Nascondino Il porto a Lorient Julie che sogna ad occhi aperti


torna indietro: Artisti

Morisot Berthe

Storia dell'arte  >  Artisti

Berthe Morisot nasce a Bourges il 14 gennaio 1841 da una famiglia d'alta borghesia. Il padre infatti era un funzionario statale, costretto a far trasferire la propria famiglia ogniqualvolta cambiava incarico. Intorno al 1852 però, i Morisot si stabiliscono definitivamente a Passy, nei sobborghi occidentali di Parigi.
L'incontro con la pittura avviene grazie alla madre, la quale affida Berthe e le sorelle maggiori Yves e Edma ad una maestro privato, in modo da poter fare una sorpresa al marito nel giorno del suo compleanno. Le lezioni del maestro Geoffry- Alfphonse Chocarne, difensore dello stile neoclassico, annoiano a tal punto le sorelle Morisot che Yves perde del tutto il suo interesse per la pittura.
Edma e Berthe studiano quindi presso Joseph Guichard, allievo di Ingres e di Delacroix, che riconosce subito grandi potenzialità nelle due ragazze e le spinge alla copia dal vero dei capolavori al Louvre. È proprio al Louvre che la giovane Berthe incontra Henri Fantin- Latour, un artista autodidatta che ripudiava i rigidi insegnamenti impartiti dall’Ecole des Beaux-Arts e che con le proprie idee innovative spinge le due sorelle a chiedere al maestro Giuchard lezioni di pittura all’aria aperta. Il maestro presenta perciò Edma e Berthe a Corot, noto paesaggista, che nei suoi quadri amava cercare di cogliere le impressioni e le suggestioni provocate dalla luce. Berthe impara molto dal maestro Corot, dal quale eredita la passione per  gli studi paesaggistici e la capacità di osservare e rappresentare il mondo con l’innocenza e la spontaneità di un bambino.
Dal 1864  le due sorelle cominciano ad esporre al Salon alcuni paesaggi e i critici nelle loro opere riscontrano subito l’influenza di Corot, fatto che dispiace molto alle due giovani pittrici, fermamente  impegnate nella ricerca dell’originalità.
Berthe e Edma sono inoltre costrette ad affrontare i pregiudizi sessisti dell’epoca: Edouard Manet scrive a Fantin- Latour in una lettera del 1868: “Sono proprio d’accordo con te, le signorine Morisot sono affascinanti. Peccato non siano degli uomini”. È proprio nel 1868, infatti, che Fantin-Latour presenta Berthe a Manet, di cui diventa modella, grande amica e da cui viene influenzata. Manet la ritrae in numerose sue opere, tra cui le più famose  sono Il Balcone, Berthe Morisot con un mazzo di violette e Berthe Morisot con ventaglio.

Nel 1869 Edma si sposa con un ufficiale della Marina, pertanto Berthe si avvicina sempre di più ai nuovi colleghi Manet, Degas, Puvis e Stevens nei quali ricerca sostegno e incoraggiamento. Rappresenta il mondo che conosce: nei suoi dipinti racconta scene di vita quotidiana borghese.

Nel 1874 Berthe partecipa alla prima mostra impressionista nello studio del fotografo Nadar con il dipinto La Culla e Nascondino. Nello stesso anno si unisce in matrimonio a Eugène Manet, fratello minore di Edouard. La loro casa diventa luogo di incontro di intellettuali e artisti come Zola, Mallarmè, Renoir, Monet e Degas.
Rappresenta il mondo che conosce: nei suoi dipinti racconta scene di vita quotidiana borghese, scene domestiche e di esterni i protagonisti delle quali sono molto spesso suoi cari. Le pennellate sono vivaci e leggere e all’uso del colore ad olio spesso ama accostare quello dell’acquerello.

Nel 1875  Berthe ed Eugène si recando sull’isola di Wight, sulla quale la Morisot realizza diverse pitture e disegni del paesaggio e di scene spontanee di vita ordinaria, come Eugéne Manet sull’Isola di Wight
Fino all’86 partecipa a tutte le mostre impressioniste, tranne a quella del 1879, perché in attesa della figlia Julie che diventerà poi une dei suoi soggetti prediletti. Ormai Berthe Morisot può essere considerata una delle figure più importanti dell’impressionismo francese.
Nell’ 87 partecipa all’esposizione internazionale di Petit e nel ’92 espone con successo una personale a Bussod e Valadon. Nello stesso anno muore il marito Eugène, evento che la scuote profondamente e che la allontana pian piano dalla pittura.
Berthe muore nel febbraio 1895, per polmonite, a soli 54 anni.


C. Severi


Bibliografia


Charles F.Stuckey, William P. Scott Berthe Morisot,Impressionismo al femminile. Arnoldo Mondadori Editore 1987.
Francesca Santucci. Donne protagoniste. Edizioni Il Foglio, 2004.

 

Approfondimenti:Berthe Morisot.

Stile:Impressionismo, Ottocento.

Per saperne di più sulla città di: Parigi

 


Berthe Morisot "Nascondino", 1873 Olio su tela, 45,1 x 54,9 cm Collezione Mrs. John Hay Whitney


Berthe Morisot " Il porto a Lorient", 1869 Olio su tela 43,5 x 73 cm Washington, D.C., National Gallry of Art, Collezione Ailsa Mellon Bruce 1970


Berthe Morisot "La Culla", 1872 Olio su tela, 56 x 46 cm Parigi, Musée d'Orsay


Berthe Morisot "Julie che sogna ad occhi aperti" , 1894 Olio su tela, 70 x 60 cm Collezione privata


Berthe Morisot. Ritratto fotografico


Eduard Manet "Berthe Morisot con un mazzo di violette", 1972 Olio su tela, 55 x 40 cm Musée d'Orsay



 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK