Arte egizia


Periodizzazione Formazione Gli artisti nell'antico Egitto Il periodo predinastico dell'antico Egitto Arte del periodo predinastico Sviluppo stilistico arte predinastica egizia Arte del periodo arcaico La tavoletta di re Narmer Le mastabe Architettura monumentale dell'Antico Regno Piramide di Zoser Complesso di El-Giza Piramide di Cheope Sarcofago di Cheope Piramide di Chefren Scoperta della tomba di Chefren Piramide di Micerino Sfinge di Giza Forme e struttura della sfinge di Giza Scoperta della sfinge di Giza Interpretazioni sulla Sfinge di El-Giza La sfinge e le stelle Le sfingi egiziane Arte del Nuovo regno I templi egizi Tempio di Amon a Karnak Tempio di Hatshepsut Hatshepsut: una regina contro la tradizione Il capolavoro di Senmut La Valle dei Re La Valle delle Regine Nefertari, la sposa reale. Pianta della tomba di Nefertari I villaggi operai Il ruolo politico di Nefertari La Tomba di Nefertari La Tomba di Tutankhamon I sarcofagi di Tutankhmon Il lavoro nei villaggi operai Maschera funeraria di Tutankhamon La pittura nell'antico Egitto I sarcofagi egiziani Sarcofagi di Psusenne I Sarcofago antropoide di Butehamon Sarcofago antropoide di Shepsesptah Sarcofago di Ny-Nsw-Wesert Sarcofago di Takhaaenbastet Pierre Montet La mummia-gatto Quiz 1


Opere di questo stile

torna indietro: Stili

Maschera funeraria di Tutankhamon

Itinerari d'arte  >  Stili

La maschera funeraria di Tutankhamon in oro massiccio, ripruducente i connotati del volto del faraone, è conservata al museo del Cairo. E' stata ritrovata da Howard Carter nel 1922.
Fu realizzata con numerosi strati d’oro battuto, intarsiato di ceramica e pietre semipreziose, riproduce fedelmente i lineamenti del giovane re al momento della morte.
Gli elementi caratteristici sono il naso sottile e leggermente storno, le narici delicate e le labbra carnose.
Secondo l’antica tradizione, intorno agli occhi e fino alle tempie, vi sono tocchi di lapislazzuli. I lobi delle orecchiate sono forati e al ritrovamento erano coperti con nastri d’oro.

Il faraone porta il tradizionale nemes, il copricapo a strisce blu e dorate, simbolo del dio solare Ra. Anche gli occhi hanno un loro simbolo: quello sinistro rappresenta la Luna, mentre quello destro il Sole. Scintillano sulla fronte del re, le due divinità associate al potere reale, l’avvoltoio del Sud e l’ureo del Nord. Il becco dell’avvoltoio è di lapislazzuli e gli occhi sono di quarzo dipinto in bianco e nero, mentre l’ureo è intarsiato di cornalina, lapislazzuli e turchese.
Le spalle di Tutankhamon sono coperte da un ampio collare, anch’esso di lapislazzuli, quarzo, feldspato verde, che termina con due teste di falco intarsiate sulle spalle.
Sulla parte posteriore si trova un’iscrizione geroglifica che riporta il testo capitolo 531 dei “Testi dei Sarcofagi” del Medio Regno e che nel Nuovo Regno venne incorporato nel Libro dei Morti. 

M. Cardi, A. Faedi, G. Festuccia (alunni del Liceo Classico Monti, Cesena)


Bibliografia:

G. Cricco, F.P. Di Teodoro Itinerari nell'arte. Vol. I. Zanichelli editore, Bologna 2003-2005
Enciclopedia per Ragazzi. Dami editore 1997
Enciclopedia per Ragazzi. Rusconi editore 2003


 

 

Approfondimenti:M. Cardi, A. Faedi, G. Festuccia, Tutankhamon, maschera, ritratto, tomba, morte, archeologia, egittologia, Liceo Monti.

Stile:Arte egizia.

Per saperne di più sulla città di: Il cairo

 




Maschera funeraria di Tutankhamon. Dett. Metà del XIV sec. a. C. Oro, Pietre semipreziose, ceramica. Il Cairo, Museo Egizio


Maschera funeraria di Tutankhamon, metà del XIV sec. a. C. Il Cairo, Museo Egizio